Bip MOBILE sospende la portabilità e Adiconsum interviene per tutelare gli utenti

Pubblicato il: 24/01/2014
Autore: Redazione ChannelCity

La sospensione della portabilità del numero da parte di Bip Mobile è un fatto di una gravità inaudita perchè la portabilità è un diritto. I consigli di Adiconsum agli ex utenti Bip MOBILE.

Bip MOBILE, l’operatore telefonico virtuale, che DAL 31 DICEMBRE 2013 ha lasciato senza linea telefonica 220.000 suoi utenti, ha sospeso la procedura MNP, quella cioè sulla portabilità del numero a un altro operatore, avendo interrotto i rapporti contrattuali con l’azienda che la gestiva.
"Quello che temevamo e che avevamo già preannunciato rivolgendo un appello agli utenti di Bip MOBILE ancora in possesso della SIM dell’operatore telefonico, per affrettarsi a chiedere la portabilità – ha dichiarato Pietro Giordano, Presidente nazionale Adiconsum – si è purtroppo avverato. È la prima volta che si verifica nel settore della telefonia una circostanza del genere, mettendo in luce tutte le falle del sistema  – prosegue Giordano -. La sospensione della portabilità è un fatto grave, perché rende gli utenti di BipMobile ancora in possesso delle Sim (circa 60.000) ostaggio dell’azienda. La portabilità è un diritto degli utenti".
A questo punto questi sono i consigli di Adiconsum:

  • continuare a chiedere la portabilità agli altri operatori
  • conservare la domanda di portabilità
  • ·verificare se venga attuata nei giorni successivi alla richiesta; in caso negativo inviare un reclamo al vecchio e al nuovo operatore
  • darne comunicazione ad Agcom.
  • Le sedi Adiconsum sono a disposizione per assistere gli utenti di Bip MOBILE. Adiconsum chiede all’Agcom, che è informata della vicenda – continua Giordano – di garantire, immediatamente, la portabilità sospesa,  permettendo, con azioni mirate, di forzare i sistemi tecnici utili alla portabilità. I numeri telefonici non sono di proprietà di nessuno e non possono essere bloccati dai problemi economici di un'azienda di telefonia mobile.

Categorie: Attualità

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota