Tech Trends, Deloitte presenta le 10 tendenze tecnologiche che trasformeranno le imprese

Pubblicato il: 11/04/2014
Autore: Redazione ChannelCity

Lo studio "Tech Trends" realizzato da Deloitte prova ad anticipare i fenomeni che potranno avere impatto sul futuro del mondo enterprise.

Deloitte con lo studio Tech Trends anticipa quali potranno essere le tecnologie che andranno a trasformare le organizzazioni e le pratiche delle aziende in futuro. Cinque di queste vengono definite “di rottura”, con un impatto positivo e di lunga durata sui processi e i modelli di funzionamento delle imprese, mentre le altre cinque sono abilitatrici e ci sono già stati investimenti di tempo e mezzi, anche se occorre riesaminarle alla luce delle più recenti evoluzioni.
Vediamole in dettaglio:
I Cio come un venture capitalist. Per supportare il business, i Cio devono ispirarsi a chi gestisce il rischio imprenditoriale e finanziario. Occorre gestire i sistemi informativi valutando la creazione di valore, il rischio e il ritorno sugli investimenti. Questo approccio si traduce sempre più in partnership o investimenti in start up innovative.

Cognitive analytics. Partendo da come il cervello umano elabora le informazioni, formula conclusioni e apprende in base alle esperienze fatte, le macchine hanno fatto enormi progressi. Per soddisfare esigenze di supporto decisionale in tempo reale, l’analisi cognitiva può aiutare ad aumentare l’affidabilità delle previsioni e automatizzare determinati task.

Industrialized crowdsourcing. Il ricorso all’intelligenza collettiva per mette di disporre di risorse competenti in modo più rapido. Grazie alle tecnologie 2.0 le imprese possono mobilitare il know-how e la creatività di tutti. Questa esternalizzazione di massa permette di rispondere sia a bisogni semplici di raccolta di informazioni che a necessità di complesse innovazioni.

Digital engagement. I differenti strati dell’organizzazione si stanno spostando verso il digitale. Le modalità di relazione con gli utenti devono essere ripensate in favore di un coinvolgimento più esteso. L’organizzazione digitale fornisce agli utenti un’esperienza di navigazione di qualità e contenuti pertinenti e personalizzabili. In cambio, l’utente accetta di restituire più informazioni.

Wearables. Le tecnologie collegate al corpo umano prendono diverse forme. Il potenziale si allarga alle modalità di lavoro, di presa di decisioni o di coinvolgimento di collaboratori, clienti e partner. La tecnologia può essere utilizzata nei processi di business per superare i limiti dei terminali classici collegati alle norme di sicurezza e alla logistica.

Technical debt reversal. Affrontare il problema del debito tecnico è indispensabile per sviluppare l’innovazione e accogliere serenamente le sfida digitali. La riduzione dei costi indotti da un patrimonio It obsolescente è un investimento di lungo termine, che permette di sviluppare la capacità di innovazione, ma consente anche una relazione di trasparenza con le linee di business.

Attivazione sociale. Anziché limitare l’uso dei social media, le imprese devono cercare di cambiarne la percezione. Così se ne può trarre vantaggio per diffondere messaggi sulla propria rete e anche oltre, favorendo l’interazione su misura.

Cloud orchestration. Mentre l’utilizzo delle soluzioni cloud cresce e aumenta anche la diversità delle offerte, il bisogno di integrare queste soluzioni con il patrimonio It dell’impresa non è mai stato tanto forte. I Cio devono investire nelle loro capacità di integrazione e di gestione dei dati per sviluppare nuovi modelli cloud-to-cloud e cloud-to-core. Costruire uno strato di orchestrazione è essenziale per integrare servizi innovativi.

La rivoluzione in-memory. Con la possibilità di utilizzare la tecnologia in-memory nei sistemi transazionali e non più solamente decisionali, si eleva il potenziale di rinnovamento dei processi di business.  La tecnilogia in-memory permette di velocizzare significativamente le elaborazioni, aprendo la via a operazioni che permettono di alimentare in tempo reale decisioni individuali con l’analisi dei dati. I Cio possono aiutare il business a identificare nuove opportunità di ottimizzazione dei processi.

Real-time DevOps. I Cio hanno necessità di migliorare l’agilità e la rapidità per rispondere meglio alle richieste del business. Il concetto di DevOps in tempo reale consiste nello standardizzare e automatizzare la messa a disposizione di ambienti, sviluppo o messa in produzione.

Categorie: Attualità

Tag: Analisi

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota