730 precompilato, troppo complesso lo farà da sé solo 1 italiano su 4

Pubblicato il: 16/04/2015
Autore: Redazione Channelcity

Secondo un monitoraggio condotto da Confesercenti-SWG, sull’introduzione del nuovo 730 precompilato, emerge che il 21% degli intervistati lo boccia, ritenendolo una semplificazione poco efficace.

Al via la rivoluzione Web delle dichiarazioni fiscali. Dallo scorso 15 aprile 2015 infatti, sul sito web dell’Agenzia delle entrate è stata messo a disposizione di dipendenti e assimilati un modello 730 precompilato, che può essere accettato o modificato online direttamente dal contribuente.
"Ma saranno pochi quelli che sfrutteranno l’occasione per fare da soli la propria dichiarazione dei redditi: solo il 25%, mentre quasi il doppio (il 47%) continuerà a rivolgersi al proprio CAF di fiducia, ed il restante 28% chiederà l’aiuto di un commercialista".
Questo è quanto emerge dalla prima rilevazione del monitoraggio condotto da Confesercenti SWG sull’introduzione del 730 precompilato e l’adozione del nuovo strumento da parte degli utenti.
Nonostante la maggioranza assoluta dei contribuenti sia a conoscenza dello strumento, il 66% non ha ancora fatto richiesta delle credenziali Fisconline o del PIN dispositivo dei servizi online dell’INPS, necessarie per accedere al 730 precompilato.
In generale, il giudizio dei contribuenti sull’iniziativa è ancora misto: la maggioranza relativa (il 41%) non si è ancora fatta un’opinione, mentre per il 34% è una semplificazione utile. Ma c’è un 21% degli intervistati che già la boccia, ritenendola una semplificazione poco efficace.
“I dati del nostro sondaggio – spiega Confesercenti – dimostrano come non sia sufficiente portare online le dichiarazioni per avere una vera semplificazione. Il fisco in Italia è molto complesso, e gli italiani ritengono di dover ricorrere all’assistenza dei professionisti. Senza l’apporto dei CAF, infatti, il 730 precompilato potrebbe rivelarsi un flop. Per questo riteniamo sia da rivedere la scelta di addossare a Caf e commercialisti la responsabilità non solo per le sanzioni, ma addirittura per l’imposta. Una scelta che costringe i centri di assistenza fiscale, anche nel caso di dichiarazioni sbagliate a causa di documentazione errata o manchevole presentata dal contribuente,  a pagare in sua vece non solo la sanzione, ma anche l’imposta mancante ed i relativi interessi. E a doversi rivalere, successivamente, sul contribuente stesso, con tutte i prevedibili oneri del caso. Una semplificazione forse utile per l’amministrazione tributaria, ma che porta ad aggravi ed incertezze aggiuntive per i centri di assistenza fiscali”.

Categorie: Attualità

Tag: Analisi

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota