Banco Alimentare, con l'app BeeApp il cibo ai bisognosi

Pubblicato il: 28/11/2015
Autore: Redazione ChannelCity

Dalla grande distribuzione a chi il cibo non ha. Ecco l'App BeeApp di Banco Alimentare Roma. La realizzazione di BeeApp è stata resa possibile grazie al finanziamento di 200mila euro stanziato dalla Fondazione Telecom Italia.

Raccogliere in appena un minuto le segnalazioni di eccedenze dai comparti dell'industria alimentare e della grande distribuzione organizzata, con lo scopo di far arrivare questi prodotti in modo più efficiente e veloce a chi ne ha bisogno.
Questo e oltre fa BeeApp una nuova applicazione per smartphone capace di unire l'esperienza del Banco alimentare Roma, che dal 1990 si occupa di sostenere persone in difficoltà nella Capitale e in tutto il Lazio, e la volonta' di Fondazione Telecom Italia di realizzare progetti innovativi a supporto dei nuovi bisogni della società.
Massimo Perrotta, presidente del Banco alimentare Roma: "E' davvero un sistema intelligente per facilitare il recupero delle eccedenze alimentari e metterle a disposizione delle strutture caritative: grazie alla piattaforma web sostenuta dalla app, la comunicazione tra i punti vendita e chi ha bisogno dei prodotti si fa semplice e diretta".
BeeApp è "veloce e facile da utilizzare, anche per chi non ha molta dimestichezza con la tecnologia", spiega il suo creatore Francesco Cuscino, CTO della società Key4. "Abbiamo cercato di ridurre l'impatto dell'applicazione il più possibile vicino allo zero, sia per chi deve organizzare i propri prodotti, sia per chi deve gestire le segnalazioni".
Come funziona? Bastano tre passi per mettere in moto il circolo virtuoso, come ha dimostrato la fase di sperimentazione. A fine giornata il negoziante scrive una mail contenente informazioni sui prodotti in eccedenza.
A quel punto il sistema di BeeApp seleziona le mail e compila una 'classifica' per genere di merce e vicinanza del punto vendita. Infine, i primi dell'elenco vengono avvisati con una notifica sullo smartphone e si procede al ritiro della merce.

Categorie: Attualità

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota