TIM, accordo con gli amministratori di condomino per la connessione a 100 Mbit

Pubblicato il: 21/12/2015
Autore: Redazione ChannelCity

L’intesa con l’Associazione Nazionale Amministratori Condominiali Immobiliari consente di accelerare la realizzazione del piano nazionale NGAN di TIM in tecnologia FTTH (Fiber To The Home), portando la fibra ottica fino alle abitazioni dei clienti.

Firmato a Milano un accordo tra TIM e ANACI (Associazione Nazionale Amministratori Condominiali Immobiliari alla quale aderiscono circa 8.000 amministratori di condominio), con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo nel paese delle infrastrutture a banda ultralarga di TIM in tecnologia FTTH (Fiber To The Home), rafforzando la collaborazione tra le parti.
Grazie a questa intesa, TIM, nelle aree comuni degli edifici previsti dal piano nazionale delle 100 città, provvederà all’installazione e alla manutenzione della fibra ottica collegando direttamente, e senza alcun onere per il condominio, il cabinet stradale alle abitazioni e agli uffici.
In questo modo i clienti potranno utilizzare una connessione ultrabroadband a partire da 100 Megabit al secondo e potenzialmente fino a 1 Giga (1.000 Megabit), e avere una migliore esperienza di navigazione ed una più elevata qualità nella fruizione di contenuti video in HD.
Con questo protocollo TIM e ANACI estendono a tutto il territorio nazionale l’accordo quadro già siglato per il comune di Torino.
“Attraverso la cablatura ottica degli edifici - ha affermato Stefano Ciurli, Responsabile Wholesale di Telecom Italia-TIM - i cittadini potranno usufruire di servizi altamente evoluti e il Paese raggiungere gli obiettivi definiti dall’Agenda Digitale. In tale contesto è fondamentale la collaborazione con gli amministratori di condominio quali importanti facilitatori del processo di ammodernamento della rete e degli apparati al fine di dare un ulteriore slancio al piano nazionale che prevede entro marzo 2018 di raggiungere 100 città estendendo la fibra ottica fino alle abitazioni. Con questa iniziativa diamo impulso ai processi di digitalizzazione favorendo la crescita dell’economia locale e la qualità della vita dei cittadini”.
Francesco Burrelli, Presidente Nazionale ANACI, dichiara “siamo soddisfatti del Protocollo, poiché consentirà a tutti i cittadini che abitano in condominio, di avere le infrastrutture più evolute di telecomunicazione, grazie alle quali potranno essere veicolati i migliori servizi che i gestori di TLC vorranno proporre già da ora e nel prossimo futuro. Sicuramente è molto importante che TIM e ANACI si impegnino per offrire a tutti i cittadini una maggiore qualità di servizi quali ad esempio quelli relativi all’e-goverment, alla telemedicina, al telesoccorso e ai sistemi più evoluti di domotica e sicurezza. Si tratta di un ulteriore passo che consente a tutto il nostro territorio di essere in linea con gli altri paesi europei”.

Categorie: Attualità

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota