SQL Server 2014 e nuove soluzioni per la BI da Microsoft

Pubblicato il: 30/06/2014
Autore: Ernesto Sagramoso

La nuova versione del database server di Microsoft consente transazioni più veloci grazie alle elaborazioni OLTP in memoria.

Per soddisfare le crescenti esigenze del mondo business, Microsoft ha presentato la release 2014 di SQL Server.  Una delle principali caratteristiche della release 2014 di SQL Server è la possibilità di elaborare in memoria elevate quantità di dati (big data). Questa peculiarità consente l’analisi in tempo reale della informazioni proveniente, per esempio, da più dispositivi connessi alla rete (Internet of Things). Si parla infatti di transazioni fino a 30 volte più veloci e di un miglioramento delle prestazioni delle query di un fattore 100.
“Nell’attuale scenario di business la conoscenza assume un ruolo chiave e consente alle aziende di guadagnare un vantaggio competitivo. Fondamentale quindi promuovere un’opportuna cultura dei dati e incoraggiare la curiosità e la sperimentazione per cogliere con dinamismo le opportunità di un mercato che si muove a ritmi accelerati. Il nostro obiettivo è offrire alle persone e alle organizzazioni di qualsiasi dimensione e settore una piattaforma a 360° per garantire insight capaci di guidare la decisioni di business e di allineare strategia ed esecuzione”, ha dichiarato Fabio Santini, Direttore della Divisione Server, Tools & Cloud di Microsoft Italia.
Poiché l’affidabilità è un fattore estremamente importante, sono stati studiati degli algoritmi che evitano la perdita di tutte le informazioni in elaborazione in caso di guasti. Non poteva mancare anche il supporto al cloud, che consente di realizzare strutture ibride con una sensibile riduzione dei costi. È infatti possibile prevedere il backup dei dati o addirittura l’esecuzione di SQL Server sul cloud Microsoft (è disponibile una procedura guidata che facilita la migrazione da un ambiente locale a Windows Azure) in modo da distribuire opportunamente i carichi di lavoro.
Molto interessanti i risultati ottenuti da Permasteelisa, un’impresa leader a livello mondiale nei settori del project management e delle costruzioni, che ha deciso di sfruttare SQL Server 2014 per consolidare i molteplici database utilizzati a supporto di programmi mission critical.
vulnerabile-sql.jpg
Come ha dichiarato Stefano Ferrari, Direttore Sistemi Informativi del gruppo, “Permasteelisa crede nel valore dei dati e abbiamo sempre cercato di utilizzarli al meglio per ottenere un vantaggio competitivo che ci ha consentito di crescere anche in una dimensione internazionale. Per sostenere tale crescita si è reso necessario consolidare molteplici database e ottimizzare l’analisi delle informazioni provenienti da diverse aree geografiche, puntando al contempo a ridurre i costi di gestione. Abbiamo a tal fine scelto di adottare il nuovo SQL Server 2014 per la capacità di semplificare e rendere più cost effective lo sviluppo di applicazioni mission-critical e per le possibilità di clustering funzionali al consolidamento di database e server. Abbiamo quindi dato vita a un progetto pilota per velocizzare gli accessi distribuiti e stiamo sperimentando l’utilizzo su cloud per gli interessanti benefici in termini di disaster recovery”
Infine Azure Machine Learning è un nuovo servizio di Azure (disponibile come public preview a partire da luglio) sviluppato per aiutare le aziende a creare soluzioni di analisi dei dati sfruttando algoritmi predefiniti e un linguaggio molto semplice.

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota