NetApp, i partner diventano ibridi per abilitare la trasformazione digitale

Pubblicato il: 27/06/2016
Autore: Barbara Torresani

Alfred Manhart, Senior Director Channel & SI EMEA, dettaglia ulteriormente la strategia per i partner indicando alcune tra le principali novità a loro rivolte.

Al recente Netapp Partner Executive Forum di Lisbona, oltre alle direttrici tecnologiche portanti quali flash e cloud ibrido, il filo conduttore dell’evento dedicato ai partner è stato appunto quello dell’ecosistema, del team collaborativo con un forte richiamo alla competizione calcistica europea in corso: “Insieme dobbiamo vincere la partita – ribadisce Alfred Manhart, Senior Director Channel & SI EMEA. L’allenatore e i giocatori devono muoversi allineati sul campo, ma la vittoria è alla nostra portata perché insieme abbiamo il governo completo dei dati.
La formula delle tre E messa in campo – engage, excel and exceed – racchiude l’essenza della strategia societaria per l’esercizio in corso.  L’enfasi va molto sull’ingaggio e il coinvolgimento: trasformare il canale in un ecosistema multiplo che fornisce soluzioni e servizi infrastrutturali facendo leva sulla forza di NetApp nel ruolo di abilitatore e trusted advisor.  
Manhart parla di un’area Emea – suddivisa nelle tre zone nord, centro e sud - attenta ai processi di trasformazione in atto: “Oltre il 50% dei paesi ha riportato crescite molto buone intorno alle due cifre, dove spesso la prima cifra è 2. L’obiettivo è di mettere a segno performance più che positive nella tecnologia Flash come accade a livello mondiale dove nel primo trimestre dell’anno NetApp ha guadagnato la seconda posizione di mercato negli Array All Flash, secondo IDC”.
netappalfred-manhart.jpg
Alfred Manhart, Senior Director Channel & SI EMEA, NetApp
Il contesto di riferimento è quello della trasformazione digitale, che impatta tutti i settori e tutte le organizzazioni: “Credo che circa il 60-70% dei nostri partner si stia muovendo verso un processo di Digital Transformation; è un viaggio  appena iniziato, i lavori sono in corso ma occorre affrontarlo al più presto. Uno scenario in cambiamento dove anche i partner devono mettersi in gioco: “Nel nuovo Data Power Digital Ecosystem tutti i partner hanno un ruolo da giocare: il futuro sarà ibrido e così dovranno essere partner. I clienti richiedono infatti un ecosistema di partner multipli con competenze e specificità differenti che combinate soddisfano al meglio le loro esigenze. Non tutti i partner infatti possono avere tutto, ma noi puntiamo a garantire il tutto attraverso l’integrazione e la combinazione delle differenti competenze dei partner, quelli tradizionali e i nuovi provenienti da nuovi ambiti. E’ la libertà di scelta che deve essere garantita”.
Manhart guarda a un ecosistema di partner che sta evolvendo: “Fatto 100 il risultato realizzato da loro nel passato l’80% di esso proveniva da un mix di hardware e software e solo il 20% era ad appannaggio dei servizi. Oggi questa formula deve necessariamente cambiare e bilanciarsi meglio tra le parti. Nel futuro la segmentazione sarà differente e i servizi dovranno crescere sempre più.”
apertura.jpg
Nel frattempo le attività e le iniziative per favorire la trasformazione dei partner procedono spedite. Manhart ne indica alcune avviate di recente e su cui c’è forte focalizzazione. Tra queste il programma FlashAdvantage 3-4-5, pensato per abbattere le barriere all’adozione della tecnologia flash per lo storage, affinché i clienti possano cogliere i benefici di un data center all flash in modo semplice, conveniente e senza rischi.
Quando un cliente sceglie un Sistema NetApp All Flash FAS, l’azienda offre una garanzia di capacità storage effettiva con un rapporto di almeno 4:1 e prevede delle azioni ben definite nell’eventualità in cui questa garanzia non sia soddisfatta. Il programma, annunciato in contemporanea con l’adozione dei drive allo stato solido da 15TB, rende la tecnologia flash la piattaforma ideale per il consolidamento dei carichi di lavoro, per far fronte a tutti i fabbisogni infrastrutturali dei clienti.
I principali benefici previsti dal programma NetApp FlashAdvantage 3-4-5 comprendono: 3X Guaranteed Performance, la garanzia di performance triplicate utilizzando uno storage all-flash NetApp; 4:1 Guaranteed Efficiency, che riduce la capacità storage richiesta di almeno 4:1 con un sistema NetApp all-flash. Questo, combinato con i primi dischi da 15 TB impiegati da uno storage vendor, permette ai clienti di implementare oltre 1PB di dati in un singolo shelf di storage; 5 Ways to Get Started – NetApp ha sviluppato altre tre modalità per facilitare l’adozione della tecnologia flash: dal free risk trial, al programma free controller upgrade, alle estensioni di garanzia a prezzi certi.
Da segnalare ancora: Exclusive Channel First: una promozione su CTAP per tutto l’esercizio 2017 in scadenza il 31 dicembre; nuove soglie e certificazioni per risponde a mercati emergenti; la velocizzazione attraverso una serie di bundle – è un’iniziativa oggi attiva in alcuni paesi pilota che sarà estesa nel terzo trimestre a livello globale. Prevede per esempio budle all-flash smart; E2700 buldle v.20 per i top seller così come FAS 2500 sempre per i top seller e EF 560.
Rientrano sempre nelle attività relative all’esercizio 2017 alcuni processi per favorire la collaborazione facendo leva sui programmi marketing – fondamentale in questo caso l’utilizzo del Partner Portal; la focalizzazione sulla tecnologia Flash e in generale sugli ambiti più innovativi – qui spicca l’iniziativa SolidFire Demo; la semplificazione delle specializzazioni Ontap & FlexPod; l’efficientamento dell’eneblement e delle certificazioni; la focalizzazione su prevedibilità e profittabilità.
“Vogliamo essere leader nelle tecnologie flash e converged system, favorire velocità ed efficienza e sviluppare ulteriormente un ecosistema digitale di partner, aiutando quelli esistenti ad abbracciare la trasformazione e accogliendo nuove tipologie di partner,” conclude Manhart.

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota