CES 2017: tanta tecnologia per l'automotive firmata Magneti Marelli

Pubblicato il: 06/01/2017
Autore: Redazione ChannelCity

Focus sulla connettività, sui sistemi di comunicazione V2X (Vehicle-to-everything) e telematica avanzata, sulle tecnologie legate alla guida autonoma e alla Smart Antenna, un’antenna “intelligente” dotata di modem in grado di ricevere e trasmettere i dati dall’auto ai gestori di servizi.

La presenza di Magneti Marelli all'edizione 2017 del Consumer electronic Show si sviluppa intorno al tema dell’innovazione con focus sulla connettività, e sui sistemi di comunicazione V2X (Vehicle-to-everything) e telematica avanzata, dando particolare risalto alle tecnologie legate alla guida autonoma e alla Smart Antenna, un’antenna “intelligente” dotata di modem in grado di ricevere e trasmettere i dati dall’auto ai gestori di servizi.
Al CES 2017 di Las Vegas i sistemi elettronici sono rappresentati in particolare da due famiglie di prodotti ad alto contenuto tecnologico come i quadri di bordo e i display.
Magneti Marelli spicca nel panorama internazionale come provider integrato di sistemi e soluzioni che includono display ultra sottili, meccatronica per display fissi e mobili, quadri di bordo e tecnologia touch per andare sempre più incontro ai bisogni dell’utilizzatore finale e alle esigenze dei costruttori in termini di fruibilità e sicurezza. Utilizzando display ad alta risoluzione, è possibile realizzare sistemi user-friendly ottimizzati nella visibilità e luminosità, e che permettono a conducente e passeggero di avere sempre sotto controllo le informazioni di bordo relative all’infotainment e alla vettura.
ces 2017 magneti marelli.JPG
All’interno dell’esposizione sono presenti differenti display come quelli TFT (Thin Film Transistor) con effetto “black panel” sviluppati per l’Alfa Romeo Giulia e per l’Alfa Romeo Stelvio, che integrano tecnologie innovative di “optical bonding” mirate a una leggibilità ideale dello schermo, e display con tecnologia “curved glass bonded” e quelli con tecnologia touch-screen utilizzati sulla console centrale. Dietro al volante, Giulia e Stelvio presentano il quadro TFT a colori da 7 pollici, posizionato tra due grandi indicatori analogici in bianco su nero.
Relativamente ai quadri di bordo, Magneti Marelli offre una gamma completa di soluzioni riconfigurabili per adattarsi alle esigenze dei car-maker internazionali grazie a un know-how acquisito e tecnologie innovative nei campi dell’ottica, HMI (Human Machine Interface) e nel design. I quadri di bordo esposti a Las Vegas sono quelli della nuova Audi Q5, la nuova Jeep Compass e Peugeot 3008-5008. In particolare, la tecnologia Magneti Marelli è presente sui nuovi SUV Peugeot con l’i-Cockpit da 12” e il display da 8” dell’Infotainment.
Si tratta di schermi TFT sui quali sono proiettate le informazioni che arrivano dalla vettura e dal sistema di infotainment. Questo quadro di bordo è di tipo riconfigurabile ed è dotato di tecnologia 3D. 
In ambito illuminazione sono presentate le più moderne tecnologie a LED sia per i proiettori che per i fanali. Quattro i modelli esposti, ognuno con caratteristiche uniche e rappresentative dell’impegno di Magneti Marelli Automotive Lighting nella ricerca e innovazione. Due i proiettori, con il sistema full LED dell’Auto R8, che oltre a essere dotato di modulo abbagliante Laser, ha indicatori di direzione continui a LED, e quello adottato da Volkswagen per equipaggiare la Passat, che presenta un nuovo sistema di riflessione dei LED.
Due gli esempi di fanali a LED, con quelli della Mercedes-Benz Classe E caratterizzati da un design particolarmente ricercato, e quelli tridimensionali della Porsche Panamera, uniti fra loro da una sottile linea di luci a LED. Sempre in ambito lighting, i visitatori possono immergersi nelle tecnologie Magneti Marelli Automotive Lighting grazie a una dimostrazione esperienziale sul funzionamento delle differenti tipologie di sistemi di illuminazione. All’interno della camera oscura si possono testare le caratteristiche di fari e fanali, oltre al funzionamento del proiettore full-LED Matrix Beam (abbagliante a LED con sistema adattivo per il direzionamento del fascio luminoso attraverso l’attivazione selettiva dei LED).
La pietra miliare è infine rappresentata dall’innovazione che associa lighting ed elettronica a supporto del futuro dell’autonomous driving. Negli innovativi proiettori e nei gruppi ottici posteriori sono integrati dispostivi Lidar (Laser Imaging Detection and Ranging), telecamere, radar e sensori a ultrasuoni. In questo modo si vengono a formare degli “Smart Corner”, degli angoli intelligenti, ovvero una soluzione modulare, indipendente ed efficiente, dove riunire e collocare i numerosi sensori richiesti per garantire la guida autonoma della vettura. Gli Smart Corner, tuttavia, non rappresenteranno soluzioni a se stanti, bensì andranno a integrare la strategia degli OEM, ne semplificheranno la struttura degli impianti di assemblaggio e consentiranno un miglioramento in termini di qualità e affidabilità a livello generale per il cliente finale.
Inoltre, focus sulle tecnologie motorsport e in particolare il sistema di telemetria ad alta capacità di Magneti Marelli che equipaggia tutte le monoposto di Formula1, e la High Speed Camera introdotta da quest’anno per migliorare la sicurezza passiva in Formula1. La High Speed Camera di sicurezza, è una telecamera frontale puntata verso il casco del pilota, capace di riprendere immagini con una frequenza di 400 frame al secondo. Si tratta di una tecnologia all’avanguardia premiata al Professional MotorSport World Expo 2016 nella categoria “Motorsport Technology of the year” e sviluppata in collaborazione con il Global Institute for Motor Sport Safety and Sustainability della FIA (Fédération Internationale de l'Automobile).
Infine, Magneti Marelli è lieta di contribuire allo sviluppo della concept Chrsysler Portal, grazie alla fornitura di tecnologie di ultima generazione prodotte dalle aree di business Magneti Marelli Automotive Lighting e Sistemi Elettronici. Quest’ultima offre agli OEM una gamma di display estremamente ampia e originale tra cui scegliere per realizzare l’HMI del futuro. I display touch-screen con tecnologia “curved glass” consentono opzioni di design impensabili prima d’ora, unitamente a una miglior interfaccia utente e una maggior reattività.

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota