Italia, crollano le vendite dei portatili e si affaccia il tablet

Pubblicato il: 28/09/2011
Autore: Redazione ChannelCity

Nel primo semestre 2011 calano vistosamente le vendite del Pc portatile, oggetto che aveva tenuto a galla il mercato, mentre si affaccia il tablet. Mercato in controdentenza per i server che registrano una leggera crescita mentre continua la discesa nel pc desktop. Tiene invece il software e calano i servizi.

Secondo i numeri di Assinform mercato e vendite in flessione per il mercato IT, che si è attestato a metà 2011 a quota 8.763 milioni di Euro, con una perdita complessiva del -1,7%, contenuta  rispetto alla prima parte del 2010 (-2,5%) e soprattutto del 2009 (-9%), a conferma dello sforzo delle  imprese di continuare comunque ad investire in IT anche in condizioni di criticità.
In questo senso vanno anche i cali molto modesti delle componenti dei servizi (-1,2%, contro il -3,7% del primo semestre 2010) e dalla tenuta del software (+0,3, a fronte del - 1,2% del primo semestre 2010). Questo mentre sul calo dell'hardware (-4,1%) hanno influito oggettivamente una difficoltà di mercato e il calo dei prezzi.
[tit:Informatica: crrollano i portatili]
Il mercato italiano dell'IT, pur mostrando evoluzioni qualitative interessanti sui fronti delle applicazioni mobili, del cloud computing, dell'informatica personale, dei pagamenti, permane in una fase recessiva. Le componenti assunte a indicatore della volontà di innovare (software e servizi) sono quelle che meno hanno sofferto, senza però compensare un calo dell'hardware che dà conto dei limiti oggettivi a investire in un contesto di stagnazione.  
Nell'hardware, il calo delle vendite in valore (-4,1%, da rapportare al -1,1% del primo semestre 2011) è testimoniato soprattutto dal calo delle vendite di PC  (3.129.000 unità, -12,8%), risultante da un calo marcato dei portatili (2.100.000 unità, -14,6%) e dei desktop (940.000, - 9,7%), non certo compensato dal lieve incremento del PC server (89.000, +1,6%) .
Il  calo riporta i risultati di vendita in volume al di sotto dei livelli del primo semestre del 2009,  dopo il forte recupero del primo semestre del 2010 (3.587.600 unità, + 16%). Tutto questo in volumi.
Infatti, il risultato in valore ha sofferto anche di un calo dei prezzi medi unitari del 3-4%.
Nota  positiva del comparto è il decollo dei tablet PC, che con 398.000 unità mostrano vendite quadruplicate rispetto al primo semestre del 2010.
[tit:Tiene il software, calano i servizi]
Il software (1.937 milioni di Euro)  è di fatto il mercato ha tenuto, mostrando anche un lieve incremento (+0,3% contro il -1,2% del periodo corrispondente dell'anno prima). 
Anche se stentano a ripartire i progetti più corposi le imprese cercano comunque di non trascurare le dotazioni IT.
Infatti, il software di sistema (255 milioni) ha contenuto il calo al – 0,8% contro il -1,2% del primo semestre 2010; il software applicativo (1.127, - 0,2%) è rimasto pressoché stabile, mentre il  middleware  (555 milioni) è cresciuto dell'1,8%.
In chiave di resistenza alle difficoltà congiunturali vanno interpretati anche gli andamenti nei servizi IT (4.164 milioni), che calano ancora, ma di poco (-1,2% nel complesso) e assai meno che nel primo semestre del 2010 (-3,7%) e del 2009 (-7,3% ). In questo caso gioca a sfavore del mercato la pressione sulle tariffe, che potrà attenuarsi solo con una ripresa complessiva della domanda IT e con criteri di assegnazione di gare e commesse più orientati alla qualità ed efficacia delle prestazioni che al minimo prezzo.
 

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social