Amazon Kindle Fire, inizia la sfida a Apple iPad

Pubblicato il: 28/09/2011
Autore: Redazione ChannelCity

Parte da New York la sfida al tablet di Apple. Amazon si appresta a lanciare Kindle Fire, il suo primo tablet.

Amazon si appresta a presentare a New York il suo primo tablet: si tratta di Kindle Fire, il cui nome è stato scelto per differenziare il dispositivo e-book della linea Kindle.
Il tablet sarà presentato dall'amministratore delegato di Amazon Jeff Bezos e, secondo alcune indiscrezioni, dovrebbe essere commercializzato negli Stati Uniti a partire dalla seconda settimana di novembre.
Kindle Fire, nelle prime foto, appare del tutto simile a BlackBerry PlayBook, prodotto da RIM. Il motivo risiede nel fatto che i due tablet sono stati assemblati dal medesimo produttore, ossia Quanta. In ogni caso, la somiglianza è solo esterna, poiché i software dei dispositivi sono diversi: PlayBook utilizza ovviamente la piattaforma BlackBerry, mentre Kindle Fire utilizza una versione modificata di Android.
Amazon ha deciso inoltre di creare un proprio App Store differente da quello di Android, anche se va detto che non saranno disponibili tutte le applicazioni che abitualmente si trovano nell'Android Market.
amazon-e-pronta-a-presentare-kindle-fire-1.jpgAmazon si dice pronta a stipulare accordi con alcuni produttori di Apps al fine di poterle offrire agli utenti del tablet. Ma quali sono, nello specifico, le caratteristiche tecniche di Kindle Fire? Innanzitutto occorre precisare che il tablet non avrà un client di posta elettronica preimpostato.  
Il dispositivo, inoltre, utilizza una Ti dual-core OMAP da 1.2 gigahertz: si tratta di una microchip montata da diversi dispositivi Android di ultima generazione fra i quali si può annoverare anche Nook Color 2 di Barnes & Noble.
Non è ancora stato reso noto il prezzo del dispositivo. Potrevbbe costate 300 dollari, per la versione che include Amazon Prime, piattaforma di contenuti video disponibili in streaming, e 250 dollari per la versione quella base.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social