Gartner, dove andrà il mercato IT

Pubblicato il: 05/12/2011
Autore: Redazione ChannelCity

Entro il 2016, almeno il 50% degli utenti mail aziendali si baserà su un client tablet o mobile, invece che su un Pc desktop. Ma le vere sfide da cogliere per l'IT vanno dalla consumerizzazione ai Big Data, dal cloud computing all'esplosione delle applicazioni mobile.

L'analista di mercato Gartner ha reso note le proprie previsioni relative al comparto IT per quanto riguarda il 2012 e gli anni successivi.
"I trend crescenti verso la consumerizzazione e il cloud computing stanno rivoluzionando l'IT - ha commentato Daryl Plummer, managing vice presidente Gartner - con queste tendenze, il controllo su molti aspetti sta passando dalle mani dei responsabili IT ad altri. Man mano che gli utenti raggiungono più controllo sui loro dispositivi, i dipartimenti IT devono quindi ripensare e trasformare il loro ruolo, se non vogliono essere messi da parte".
Ecco, in sintesi, alcune delle previsioni principali, le tendenze che si pongono come sfide per l'IT:
- Già entro il 2012, si verificherà un enorme aumento della quantità di dati e informazioni disponibili alle aziende. La sfida per l'IT è quella di riuscire ad analizzarli e a capirli, per utilizzarli al fine di assumere decisioni strategiche;
- Entro il 2015, i low-cost IT services (Ilcs), ovvero servizi IT a basso prezzo, emergeranno come fenomeno preponderante. Questo tipo di servizi cannibalizzerà fino al 15% dei profitti dei top player nel mercato IT;
- Nel 2013 si verificherà una vera e propria esplosione dei social networks e degli enterprise social software: ai dipartimenti IT il compito di sfruttare questa rivoluzione social a vantaggio dell'azienda. 
- Mobilità: entro il 2016, almeno il 50% degli utenti mail aziendali si baserà su un client tablet o mobile, invece che su un Pc desktop; 
- Entro il 2015, lo sviluppo di applicazioni mobile, destinate a smartphone e tablet, supererà i progetti destinati ai Pc nella proporzione 4 a 1;
- Entro la fine del 2016, più del 50% delle aziende Global 1000 effettueranno lo storage di dati customer-sensitive nella cloud pubblica.











Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social