Ast Power Quality Solutions, nuovi Ups sbarcano nel mercato italiano

Pubblicato il: 18/01/2012
Autore: Redazione ChannelCity

Ast Power Quality Solutions, divisione di Ast Modular, ha annunciato lo sbarco in Italia. La fase di lancio in Italia sarà coordinata da Primo Bonacina e Italo Vignoli, che si occuperanno delle attività commerciali e di marketing.

Ast Power Quality Solutions, divisione di Ast Modular, ha annunciato lo sbarco in Italia. Sul mercato italiano arriva così la gamma di Ups A Series dell'azienda, ottimizzata per le esigenze e i problemi di "power quality" delle aziende europee.
Il prezzo end user parte da poco più di 600 euro per il modello base e arriva a circa 5.000 euro per il top della gamma.
La fase di lancio in Italia sarà coordinata da Primo Bonacina e Italo Vignoli, che si occuperanno delle attività commerciali e di marketing.    
Gli Ups della gamma A Series, da 1, 2, 3, 5 e 10 kVA (kilo Volt Ampere), usano la tecnologia on-line a doppia conversione, e possono essere installati sia a terra che in rack standard da 19" (in questo caso occupano rispettivamente 2, 3 e 5 unità, che diventano 6, 7 e 11 con il cabinet delle batterie, disponibile per tutti i modelli tranne che per quello base da 1kVA).
Le configurazioni includono sia il kit per il montaggio in rack che i piedini per l'installazione a terra, e l'adattatore Snmp.  
Ast Power Quality Solutions è stata fondata nel 2009 con l'obiettivo di offrire una soluzione alternativa all'offerta di mercato. Il settore degli Ups soffre dei problemi tipici di tutti i mercati maturi, ovvero di gamme di prodotti complesse, frutto di anni di stratificazioni, che sono difficili da interpretare per qualsiasi utente.
In questo contesto, Ast tenta di disegnare i prodotti sulle esigenze degli utenti professionali, per ridurre le complessità e le opzioni, che sono finite tutte nella configurazione di base.
"Il settore degli UPS soffre dei problemi tipici di tutti i mercati maturi, ovvero di gamme di prodotti complesse, frutto di anni di stratificazioni, che sono difficili da interpretare per qualsiasi utente, in quanto c'è sempre un'opzione di troppo a rendere più difficile la scelta", afferma Risto Thurén, General Manager di AST PQS. "AST si è mossa in modo diverso, e ha disegnato i prodotti sulle esigenze degli utenti professionali, per cui ha ridotto le complessità e le opzioni, che sono finite tutte nella configurazione di base".

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota