Kodak sull'orlo del fallimento. Citigroup presta 950 milioni di dollari

Pubblicato il: 19/01/2012
Autore: Redazione ChannelCity

Kodak, per evitare la chiusura definitiva, ha deciso di richiedere l'ammissione all'amministrazione controllata e alla protezione previste dal Chapter 11 della legislazione fallimentare statunitense. Contemporaneamente ha ottenuto un prestito da 950 milioni di dollari da Citigroup per migliorare la liquidità e provare operazioni di rilancio.

Eastman Kodak, il gigante della fotografia, dopo che per mesi ha cercato in tutti i modi di risollevarsi, ha fatto richiesta alla U.S. Bankruptcy Court del Southern District di New York di essere ammessa all'amministrazione controllata e alla protezione previste dal Chapter 11 della legislazione fallimentare statunitense.
In questo modo, diversamente dal Chapter 7, finalizzato alla cessazione dell'attività e alla liquidazione dell'azienda, le imprese in difficoltà possono ricorrere a una ristrutturazione così da evitare il fallimento.
Eastman Kodak nel contempo ha nominato Dominic Di Napoli alla guida del processo di ristrutturazione tramite il Chapter 11. La richiesta di bancarotta è stata presentata al tribunale di Manhattan e durante il processo di bancarotta, la società continuerà a operare normalmente.
In un comunicato stampa ufficiale, Kodak rivela di aver ottenuto un prestito con scadenza a 18 mesi di 950 milioni di dollari da Citigroup per migliorare la liquidità attuale e il capitale a disposizione per le operazioni di rilancio.
Kodak, che dal 2003 ha chiuso 30 impianti, 130 laboratori e tagliato circa 47mila posti di lavoro, ha come obiettivo quello di riuscire ad avviare questa fase di ristrutturazione tagliando i costi strutturali e con la monetizzazione di asset non strategici.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota