Smau Roma, l'edizione 2012 si chiude con 5.600 visitatori

Pubblicato il: 23/03/2012
Autore: Redazione ChannelCity

Dopo la tappa romana gli eventi itineranti di Smau proseguono a Padova il 18-19 aprile, a Bologna il 6-7 giugno e si concluderanno a Milano il 17-18-19 ottobre.

Si è conclusa la terza edizione di Smau Business Roma, evento realizzato in collaborazione con l'Unione degli Industriali e delle Imprese di Roma, Frosinone, Rieti e Viterbo.
La manifestazione ha registrato un'affluenza di oltre 5.600 visitatori professionali che hanno potuto toccare con mano in due giorni le ultime novità presentate dai maggiori fornitori di tecnologie informatiche, tra gli altri Adobe, Cisco, Fujitsu, Google Enterprise, Gruppo TeamSystem, HP e AMD, IBM, Intel, Microsoft, Sap, Tooway.
Al centro del dibattito l'eccellenza in campo tecnologico del Lazio messa in luce dai dati presentati in questi due giorni. Da un'elaborazione realizzata da Net Consulting su dati Istat, infatti il Lazio supera la media nazionale come diffusione della Banda Larga nelle Imprese (84, 3% su una media nazionale di 83,1) ed è la prima regione in Italia anche per numero di finanziamenti ricevuti dall'Unione Europea per la Ricerca e l'Innovazione, mentre raggiunge il secondo posto, dopo la Lombardia, nella classifica degli impiegati nel settore della Ricerca e Sviluppo. La Capitale, inoltre, vince su Milano per numero di occupati nel settore ICT (80.000 contro 73.000) , in generale e soprattutto nei settori delle Telecomunicazioni e della Produzione di Software. 
 
"Il settore delle tecnologie digitali sta vivendo un momento di rapida evoluzione" ha affermato Pierantonio Macola, Amministratore Delegato di Smau "...e le imprese del Lazio hanno dimostrato, in questo nostro appuntamento nella Capitale, di essere preparate a cogliere le opportunità che si stanno presentando. Tecnologie come tablet, smartphone, apps che ormai sono affermate in ambito privato, si stanno facendo sempre più strada anche all'interno delle imprese e, insieme al cloud computing e Ai sistemi di comunicazione e collaborazione avanzati promettono di rivoluzionare il modo di lavorare semplificando l'intera governance aziendale e riducendo sensibilmente i costi interni. Tale rivoluzione è supportata dai vertici aziendali, veri e propri innovatori delle imprese italiane, che per primi hanno sperimentato i benefici di tali tecnologie e che per questo credono nei vantaggi che possono apportare alla propria organizzazione. Questo, inoltre è un momento di grandi cambiamenti anche nel settore pubblico, mi riferisco alle Smart City, un tema che coinvolge non solo le tecnologie digitali, ma anche il mondo delle utilities, dell'edilizia, dell'ambiente, della mobilità, insomma tutti i settori in cui l'innovazione è protagonista e che sarà centrale per i prossimi quindici anni e in grado non solo di creare un nuovo modello di rapporto tra la città e i suoi abitanti, ma anche un indotto significativo per l'economia delle imprese del territorio." 
Ed è proprio alle Smart City che Smau Roma, in collaborazione con ANCI, ha dedicato la seconda giornata dell'evento che ha chiamato a raccolta tutti i soggetti coinvolti in progetti di sviluppo delle città intelligenti, non solo del settore ICT, ma anche delle utilities, delle municipalizzate e delle associazioni, mettendo a fattor comune le progettualità in corso e aiutare a capire quali sono le ricadute per i cittadini e come possono le imprese entrare nel concreto in tali progetti.
L'evento di apertura "Le Città Intelligenti: opportunità per le imprese del territorio" ha visto la partecipazione di Giancarlo Capitani, Presidente Net Consulting, il quale, dopo aver illustrato le linee generali dell'approccio italiano alle progettualità Smart City, si è concentrato sulla situazione romana: "Roma è ricca di idee e progetti che la possono trasformare in una città digitale, ora si tratta di farli convergere in una via unica e coerente. Una città che conta oltre 80.000 addetti all'industria ICT non può farsi sfuggire questa occasione."  
Davide Bordoni, Assessore al Commercio e alle Attività Produttive di Roma Capitale, ha fatto il punto insieme a Stefano D'Albora, CIO Roma Capitale, sui progetti già in atto: "Sicurezza, decoro e vivibilità sono i temi su cui intendiamo lavorare. Il nostro Assessorato ha già avviato il progetto dello Sportello Unico, che permette di aprire un'attività commerciale via web in sole 24 ore: abbiamo tutta l'intenzione di continuare a lavorare in questa direzione".

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota