IMU, come calcolare la tassa sugli immobili

Pubblicato il: 13/05/2012
Autore: Redazione ChannelCity

Per aiutare gli utenti a districarsi con la nuova IMU, la redazione ha realizzato un programma gratuito, semplice ed immediato, che consente di calcolare la nuova imposta inserendo in maniera molto intuitiva i dati principali.

Per aiutare gli utenti a districarsi con l'IMU, la redazione ha realizzato un programma gratuito, semplice ed immediato, che consente di calcolare la nuova imposta inserendo in maniera molto intuitiva i dati principali.
IMU
(Imposta Municipale Unica) è la nuova tassa che ha sostituito sia l'Irpef – sui redditi fondiari delle seconde case – sia a precedente Ici. E tale imposta viene applicata anche sulla prima casa.
Download BitcityLe aliquote e le modalità di calcolo dell'IMU sono state determinate dal Decreto Legislativo n.201 del 2011, chiamato anche "Decreto Salva Italia".
Tale provvedimento ha accelerato l'entrata in vigore dell'IMU, che inizialmente era stata prevista per il 2013.
Ma come si calcola l'IMU? Innanzitutto occorre individuare la rendita catastale aggiornata. Ciò è possibile richiedendo una visura catastale nominativa oppure se si dispone dei dati catastali (foglio, particella e subalterno).
La rendita catastale dovrà poi essere rivalutata del 5% in base all'aumento previsto per legge e poi moltiplicata per un valore dipendente dalla categoria catastale.
Per quanto concerne i terreni agricoli, tale valore si ottiene aumentando del 25% il reddito domenicale e moltiplicando per 130 il risultato, mentre per i coltivatori diretti il coefficiente è pari a 110.
Il valore catastale ottenuto dovrà poi essere moltiplicato per l'aliquota d'imposta IMU, che il Governo Monti ha fissato allo 0,76% per tutte le tipologie di fabbricati, fatta eccezione la prima casa per la quale l'aliquota prevista è dello 0,4%.
I Comuni avranno la possibilità di aumentare o diminuire le aliquote dello 0,2% per la prima casa, e dello 0,3% per le altre tipologie.
La prima casa potrà inoltre usufruire di uno sconto ulteriore pari a 200 Euro, oltre a 50 Euro per ciascun figlio residente nell'abitazione e di età inferiore ai 26 anni, fino ad un massimo di 400 Euro.
Sarà possibile pagare l'IMU per la prima casa in tre rate (16 Giugno, 16 Settembre, 16 Dicembre), mentre l'IMU sulle altre tipologie di immobili dovrà essere versata in due rate (16 Giugno e 16 Dicembre).

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social