Banda larga, l'Italia rimane sempre indietro

Pubblicato il: 15/05/2012
Autore: Redazione ChannelCity

Un rapporto dell'Unione Internazionale Telecomunicazioni evidenzia che la banda larga sta avendo una grande diffusione, ma il nostro Paese rimane sempre indietro.

Secondo un rapporto dell'Unione Internazionale Telecomunicazioni, negli ultimi cinque anni i collegamenti broadband, soprattutto online, sono aumentati e raddoppiati fino a raggiungere quota 591 milioni.
La diffusione della connessione a banda larga sta infatti avendo un notevole impulso a livello globale, ma l'Italia riesce comunque a rimanere sempre indietro.
Nelle aree maggiormente industrializzate la banda larga è diffusa per il 26%, mentre nei Paesi meno sviluppati la percentuale scende al 4,5-5%.
Questo fatto sembra essere attribuibile al costo degli abbonamenti, che negli Stati Uniti possono addirittura arrivare a superare di 3 volte il reddito medio pro capite.
Dalla ricerca si evince che le connessioni mobili hanno avuto un'impennata notevole, anche nei Paesi di sviluppo, con circa l'8,5% dei collegamenti.
I social network sono in grado di raccogliere oltre 1 miliardo di utenti in generale, dei quali 901 milioni appartengono solo Facebook.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social