UE, il 75% dei siti di e-commerce non è a norma

Pubblicato il: 09/12/2012
Autore: Chiara Bernasconi

Secondo il neocommissario UE per la politica dei consumatori, Tonio Borg, più del 75% dei siti web che vendono giochi, libri, video e musica non sarebbe a norma.

Tonio Borg, neocommissario UE per la politica dei consumatori, ha dichiarato che più del 75% dei siti web che vendono giochi, libri, video e musica non è a norma. Tra i consumatori più assidui e vulnerabili ci sono bambini e giovanissimi.
Questi dati sono frutto di un’indagine svolta su 333 siti: di questi, 254 hanno “destato dubbi rispetto alla loro conformità con la normativa europea, in particolare sulle regole che disciplinano la pubblicità, oltre alle informazioni fondamentali sui costi e il contenuto digitale per permettere ai consumatori di decidere informati”.
Di rilievo il fatto che tra i 55 siti individuati che vendevano giochi ai bambini, il 71% non rispettava le norme europee.
Nel caso specifico dell’Italia sono stati identificati 10 siti, 7 dei quali dovranno essere ispezionati ulteriormente. Dalla ricerca è inoltre emersa la mancanza di informazioni circa l’identità dei vari rivenditori e di chiarezza nelle clausole contrattuali: non vi è alcuna indicazione, infatti, in merito alla responsabilità del commerciante in caso di danni al computer del consumatore o alle difficoltà dell’acquirente a ottenere una riparazione.
Mancherebbero inoltre clausole riguardanti il diritto di recesso dall’acquisto o di ricevere un nuovo prodotto o ancora di essere rimborsato se quello acquistato non dovesse funzionare.
Le autorità nazionali ora dovranno stabilire se avviare azioni legali seguite da sanzioni pecuniarie o se addirittura si dovrà procedere alla chiusura obbligata dei siti.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social