AMD Radeon HD 8000M, nuove GPU mobile

Pubblicato il: 18/12/2012
Autore: Daniele Preda

AMD svela le più recenti soluzioni grafiche della famiglia HD 8000M e lo fa introducendo specifici modelli destinati ai notebook di fascia medio/alta. Messa a punto anche la strategia per il 2013.

Le nuove GPU Radeon HD 8000M sono destinate al segmento mobile, per portatili di fascia medio/alta e si basano sull’architettura Graphics Core Next, già adottata da AMD per le soluzioni HD 7000 ad elevate performance.
I modelli resi noti in questi giorni sono quattro, a partire dal più potente HD 8800M, dotato di 640 stream processor e un clock GPU compreso tra 650 e 700 MHz.
radeon-hd-8000m-amd-riparte-dal-mobile-2.jpgLa memoria GDDR5 ha un clock reale di 1.125 MHz, mentre la potenza complessiva è di 992 GFlops e 62 GFlops, rispettivamente in single precisione e double precision.
Le rimanenti tre versioni sono denominate HD 8500M, HD 8600M e HD 8700M e sono accomunate dalla disponibilità di 384 stream processor. Anche il buffer di memoria è un tratto comune delle tre soluzioni, che possono essere abbinate a veloci GDDR5 a 1.125 MHz, o a un frame buffer DDR3 a 1 GHz. A differenziare queste varianti c’è la frequenza di lavoro, che può raggiungere i 650 MHz per HD 8500M, i 775 MHz per HD 8600M e gli 850 MHz per HD 8700M.
Le nuove versioni Radeon HD consentiranno ad AMD di aggiornare la gamma mobile, adottando soluzioni tecnicamente valide e capaci di contenere i consumi. In sostanza, l’annuncio svela due chip a 28 nm con architettura GCN, pienamente compatibili DirectX 11 e con i più recenti sistemi operativi e destinati a coprire il segmento performance e mainstream.
radeon-hd-8000m-amd-riparte-dal-mobile-1.jpgQuesti primi modelli HD 8000M saranno disponibili entro il Q1 del prossimo anno, mentre nel secondo trimestre saranno introdotte sviluppate per gli hardcore gamer e per la fascia alta di mercato. In aggiunta dovrebbe aggiungersi una variante che farà da ponte tra le due fasce intermedie ma della quale non è ancora stato reso noto il nome.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social