Sirmi, il 2012 si chiude con il segno meno per il mercato PC

Pubblicato il: 13/02/2013
Autore: Redazione ChannelCity

Il totale comparto PC desktop registra nel quarto trimestre 2012, rispetto allo stesso periodo del 2011, una flessione totale del -19,1% in termini di volumi e del -34,8% in termini di fatturato: maggiormente penalizzata la parte Consumer. Crescono, come previsto i tablet ma, a sorpresa, anche le workstation.

L'analista di mercato Sirmi ha pubblicato i dati relativi all’andamento del mercato italiano del PC del quarto trimestre del 2012 e dell’intero anno.
Il totale del mercato PC - ovvero dal desktop al tablet - nell’ultimo trimestre del 2012 registra, rispetto all'analogo periodo del 2011, un calo a doppia cifra, sia in termini di unità complessive vendute (-11,7%) e ancor più in termini di fatturato (-19,8%). 
Nel trimestre analizzato, tutte le componenti del comparto registrano un andamento negativo, fatta eccezione per i tablet che al contrario continuano a mostrare una crescita importante (+30,9% in volumi e +12,7% in fatturato rispetto al quarto trimestre 2012), e le PC Workstation (+12,5% in volumi e +0,2% in fatturato). L’incremento delle vendite dei tablet va a discapito dei netbook, il cui calo trimestrale rasenta il 100%, a conferma del già preannunciato avvio verso l’estinzione dal mercato IT di questo prodotto. 
I netbook resteranno in vendita fino ad esaurimento scorte, presumibilmente ancora per gran parte del 2013, ma non vedranno più l'uscita di nuovi modelli.
I maggiori produttori hanno infatti scelto di dismettere questo prodotto. Gli ultimi Vendor che hanno annunciato tale decisione sono stati Asus e Acer, seguendo le analoghe strategie già adottate da Samsung, HP e Dell, che avevano già intrapreso in passato lo stesso percorso, spingendo molto più le risorse in direzione di tablet e ultrabook, prodotti dotati di maggiore potenza, portabilità, funzionalità touchscreen. 
Si avvia quindi al declino un prodotto che, prendendo a modello il notebook e riducendone al minimo dimensioni, peso e soprattutto costi, ha primeggiato per anni sul mercato con vendite boom, innescando nuove dinamiche di crescita in un momento difficile, tanto da essere stato considerato il “salvatore” dell’intero settore PC.
sirmi-il-mercato-pc-in-caduta-libera-1.jpgIl totale comparto PC desktop registra nel quarto trimestre 2012, rispetto al 2011, una flessione totale del -19,1% in termini di volumi e del -34,8% in termini di fatturato; maggiormente penalizzata la parte Consumer. I notebook registrano nel trimestre in oggetto un decremento sia in termini di volumi (-13,9%), corrispondenti a 794.800 unità vendute, sia in termini di fatturato (-23,7% circa). Anche in questo caso la categoria che soffre di più è quella dei notebook consumer, che evidenziano un decremento del 15% e del 25%, rispettivamente, in termini di consegne e fatturato. 
Thin Client registrano nel trimestre un decremento del -26,3% dei volumi di vendite e del -34% del fatturato.Le prime stime Sirmi sul 2013 intravedono una situazione di ripresa complessiva del mercato, sempre favorita dalla forte crescita dei tablet, ma anche dalla crescente incidenza degliultrabook, prodotti sui quali sia i fornitori di tecnologie di base sia i vendor stanno puntando in modo particolare. In termini percentuali, Sirmi prevede una crescita annuale complessiva del comparto del 9% circa, in ragione di una crescita di quasi il 50% dei Tablet, condizionata positivamente dal mondo professionale.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social