HP FlexNetwork, la rete scalabile e veloce

Pubblicato il: 10/05/2013
Autore: Daniele Preda

HP ha sviluppato nuovi apparati di rete per data center all’avanguardia e dotati di tecnologia Software-Defined Network per ambienti cloud, per semplificare, scalare e automatizzare la rete.

HP introduce i nuovi apparati destinati alle infrastrutture di rete, per data center moderni e sviluppati sulla base di concetti innovativi. I dispositivi sfruttano l’architettura HP FlexNetwork, pensata per semplificare le operazioni di gestione e favorire un’elevata scalabilità in base alle necessità, contenendo al complessità generale.
Analogamente, questa piattaforma consente di ridurre le tempistiche di provisioning di rete in modo evidente. L’obiettivo è quello di trasformare l’intera struttura di rete in un fattore abilitante piuttosto che in un collo di bottiglia, valorizzando i sistemi e garantendo ampia versatilità ed ergonomia nel continuo processo di sviluppo e ammodernamento.
Basti pensare ai sistemi cloud, in questo scenario le vecchie architetture di rete rischiano di bloccarsi a causa delle pressanti richieste di accesso istantaneo ad applicazioni e servizi. In aggiunta le aziende sono spesso alle prese con la complessità dell’attuale design di rete dei data center, che richiede la configurazione manuale di ogni singolo dispositivo e limita le prestazioni delle applicazioni con impiego intensivo della banda.
In quest’ottica, HP ha realizzato una serie di apparati di rete che supportano il concetto SDN (Software-Defined Network), offrendo capacità di automazione avanzate e migliore scalabilità per applicazioni particolarmente stressanti.
hp-flexnetwork-la-rete-scalabile-e-veloce-1.jpgTra i nuovi modelli, HP FlexFabric 12900, il Data Center Core switch con protocollo OpenFlow, capace di far fronte alla crescente domanda di workload virtualizzati.
In aggiunta, le nuove soluzioni HP Networking permettono ai clienti di incrementare la produttività dell’IT unificando il fabric virtuale a quello fisico, con il nuovo software HP FlexFabric Virtual Switch 5900v che, insieme allo switch fisico HP FlexFabric 5900, offre funzionalità di networking quali l’applicazione di policy e qualità del servizio ad un ambienti VMware. La tecnologia integrata Virtual Ethernet Port Aggregator (VEPA) offre una separazione tra gli amministratori dei server e gli amministratori di rete, al fine di garantire la semplicità operativa. Il sistema consente di ridurre l’ingombro del data center con HP Virtualized Services Router (VSR). Questo dispositivo permette di erogare i servizi su una macchina virtuale (VM) e di eliminare l’hardware non necessario sfruttando la prima tecnologia del settore software-based Network Function Virtualization (NFV) in ambito carrier.
Le soluzioni HP FlexFabric consentono inoltre di migliorare il supporto per applicazioni complesse e ad elevato consumo di dati, grazie agli capaci di gestire i picchi di occupazione della banda, mediante l’utilizzo del protocollo standard Transparent Interconnection of Lots of Links (TRILL).
hp-flexnetwork-la-rete-scalabile-e-veloce-2.jpgI modelli HP FlexFabric 12900 possono trasferire volumi di dati in rete per porta 40-gigabit Ethernet (GbE), migliorando fino al 50% le prestazioni delle applicazioni virtualizzate. Nel dettaglio,  grazie allo switch di aggregazione HP FlexFabric 11908, è disponibile una connettività 10/40 GbE per i server blade, così come i moduli Virtual Connect FlexFabric per i server HP c-Class. Questo pacchetto di soluzioni migliora la resilienza, semplificando la creazione dei servizi di rete con i router della serie HP HSR 6800, che consolidano le funzioni di routing, firewall e switching all’interno di un unico dispositivo.
Con l’interfaccia di management centralizzata di HP è possibile automatizzare la creazione delle applicazioni e dei servizi, sia sui dispositivi di rete tradizionali che su quelli che supportano l’SDN. Tra i benefici, maggiori prestazioni delle applicazioni, rese possibili attraverso modelli di servizi di rete che semplificano e automatizzano le configurazioni di rete per le applicazioni, dall’edge al core, grazie al software HP Intelligent Management Center (IMC) Virtual Application Network Resource Automation Manager. È possibile semplificare la gestione delle operazioni nelle infrastrutture di rete tradizionali e SDN con HP IMC SDN Manager, il monitoraggio e la gestione delle policy che si estende alle reti di campus, di filiale e di data center.  
Nel complesso, HP Technology Services supporta i clienti nell’evoluzione e nella gestione delle reti di data center complessi, consentendo di riallocare le risorse per destinarle all’innovazione e alla crescita del business.
Tra le offerte disponibili:
- HP Connectivity Transformation Experience Workshop – supporta i clienti nel dimensionamento della rete e nel conseguimento dell’agilità dell’intera infrastruttura, grazie ad una strategia di trasformazione della rete ben definita che allinea obiettivi di business e IT.
- HP IPv6 Roadmap Service – mette a disposizione consulenti esperti che svilupperanno una roadmap per la transizione al protocollo IPv6 tenendo conto di tutti e sei i domini interessati da tale transizione: la rete, la sicurezza, l’infrastruttura, le applicazioni, la governance e il finance.
- HP Datacenter Care for Networking – offre un unico punto di contatto per i servizi di assistenza di tipo reattivo e proattivo, che permette ai clienti di risolvere rapidamente i problemi di rete, evolvere la struttura per far fronte alle nuove esigenze di business e ridurre i compiti di amministrazione dell’IT, che può così focalizzarsi sull’innovazione tecnologica.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota