Symantec, il phishing minaccia la PMI

Pubblicato il: 28/05/2013
Autore: Daniele Preda

Il fenomeno del furto di identità, o phishing, si sta diffondendo a livello di social network e potrebbe costituire un serio pericolo anche per le PMI.

Symantec rende noti alcuni dettagli del più recente Internet Security Threat Report e sottolinea l’importanza di un buon sistema difensivo contro il phishing in azienda.
Se infatti, l’accesso al mondo dei social network significa incrementare la visibilità delle PMI nel mercato di competenza, lo stesso strumento può nascondere rischi per la sicurezza.
symantec-il-phishing-minaccia-la-pmi-1.jpgRecentemente, infatti, numerosi brand noti hanno subito attacchi e la violazione degli account online. Per rubare i dati e le credenziali degli utenti, la maggior parte degli hacker sfrutta metodi di phishing.
Si tratta di una tematica nota agli esperti IT delle aziende, anche se la recenti mutazioni nelle abitudini di attacco hanno portato i malintenzionati ad utilizzare tecniche di questo tipo, non più, solo per rubare dati bancari, ma soprattutto per sottrarre le credenziali ai social network.
symantec-il-phishing-minaccia-la-pmi-2.jpgSymantec mette dunque in guardia le aziende, ricordando che il numero di siti phishing che imitano i siti dei social network è aumentato del 123% nel 2012.
Per proteggersi da accessi indesiderati, è perciò opportuno verificare l'indirizzo del sito di social networking, in alcuni casi, siti “typo squatting” sono spesso utilizzati per tentare di catturare le credenziali dell'utente. È inoltre opportuno diffidare dei link inviati da utenti sconosciuti e delle Email che sostengono di provenire da un sito di social networking. Si tratta infatti di una tattica di phishing molto diffusa.
Un buon consiglio, sempre valido, è inoltre quello di utilizzare password diverse per ogni account. Symantec suggerisce di usare una frase con qualche combinazione di caratteri URL, un sistema per la creazione di password facili da ricordare per ogni sito.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota