HP VSA, un Exabyte di software-defined storage gratuito per i clienti

Pubblicato il: 06/12/2013
Autore: Daniele Preda

HP propone la piattaforma StoreVirtual Virtual Storage Appliance liberamente accessibile per i clienti che acquisteranno server virtualization-ready HP ProLiant Generation 8.

HP StoreVirtual Virtual Storage Appliance (VSA) è ora disponibile senza costi aggiuntivi per i clienti che acquisteranno server virtualization-ready HP ProLiant Generation 8. L’iniziativa HP è stata studiata per i clienti delle piccole e medie imprese e nasce per garantire, gratuitamente, un pacchetto per lo storage software-defined.
Nel dettaglio, l’azienda metterà a disposizione dei propri clienti PMI l’accesso a oltre un Exabyte di spazio storage VSA nel corso dei prossimi 12 mesi.
hp-vsa-un-exabyte-di-software-defined-storage-grat-1.jpgIn questo modo, HP supporta in modo diretto le realtà professionali che impiegano server ProLiant e che sono attualmente vincolate in termini di budget, personale e spazio, garantendo l’accesso allo storage senza oneri di spesa diretti.
HP StoreVirtual VSA trasforma i server HP ProLiant in soluzioni per l’implementazione dei data center software-defined, che permettono di ottenere fin da subito un significativo vantaggio dalla virtualizzazione dell’ambiente server.
Tra i vantaggi combinati di questa soluzione:
-Riduzione fino all’80% il costo dell’implementazione di uno storage condiviso resiliente rispetto al costo degli array di storage tradizionali
-Semplificazione dell’implementazione e migliore flessibilità con gli ambienti hypervisor di VMware o Microsoft, senza bisogno di disporre di competenze specifiche nello storage
-Una migliorata agilità, scalando in parallelo la capacità di elaborazione non appena le esigenze del business lo richiedono o i carichi di lavoro dell’applicazione crescono
-Riduzione del rischio mantenendo l’alta disponibilità dei dati attraverso il clustering e il disaster recovery integrato, che include il supporto per VMware Metro Storage Cluster.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social