Intel, vi diciamo come sarà il computer del futuro

Pubblicato il: 08/06/2011
Autore: Redazione ChannelCity

Intel al Computex ha parlato dello sviluppo dei nuovi processori per il segmento mobile, dagli ultrabook ai tablet e ha aggiornato la roadmap sui processori per PC. Ecco le principali novità in arrivo nei prossimi dodici mesi.

Intel al Computex 2011 ha parlato del futuro dei processori nei vari segmenti di mercato, di cosa "bolle in pentola" nel mercato del Pc per ufficio e per il mondo consumer, con un exursus temporale che arriva fino alla fine del prossimo anno.
Sean Maloney
, Executive Vice President di Intel, ha annunciato che entro la fine del 2012 il 40% del segmento di mercato dei notebook consumer includerà una nuova categoria di computer, chiamati "Ultrabook", che coniugheranno prestazioni più elevate, tempi di risposta ottimizzati e sicurezza: tutto in un form factor più sottile ed eleganti dal punto di vista del design.
intel-ecco-i-computer-del-futuro-3.jpgNel corso del suo intervento di apertura al Computex 2011, Maloney ha fornito ulteriori dettagli sulle modifiche significative che Intel intende apportare alla roadmap dei processori Intel Core per lo sviluppo di questa nuova categoria di prodotti.
Ha inoltre ribadito la necessità di accelerare il ritmo dell'innovazione per i dispositivi SoC (System-on-Chip) basati su processore Intel Atom per netbook, smartphone, tablet e altri dispositivi complementari al PC.
"I dispositivi informatici assumono molte nuove forme", ha commentato Maloney.
"L'innovazione della tecnologia funge da catalizzatore, e riteniamo che le novità apportate da Intel alle proprie roadmap, insieme alla solida collaborazione del settore, porteranno - nei prossimi anni - a un cambiamento straordinario nel personal computing".
L'Ultrabook sarà basato sulla Legge di Moore e sulla tecnologia del silicio allo stesso modo dei tradizionali PC degli ultimi 40 anni.
Maloney ha descritto tre fasi principali nella strategia aziendale per accelerare questa visione, che inizia a svilupparsi oggi con i recenti processori Intel Core di seconda generazione. Grazie a questa famiglia di prodotti sarà possibile realizzare design sottili, leggeri, con uno spessore inferiore a 20 mm (0,8") disponibili a un prezzo mainstream sotto i 1.000 dollari (USA).
Le macchine basate su questi chip saranno disponibili per la stagione di vendita delle vacanze invernali del 2011 e includeranno il prossimo 'UX21, Ultrabook di ASUS.
intel-ecco-i-computer-del-futuro-1.jpgMaloney ha presentato la nuova generazione di processori Intel basata sulla tecnologia Intel Core di seconda generazione, identificata dal nome in codice "Ivy Bridge" e disponibile nei sistemi nella prima metà del 2012.
I notebook basati su "Ivy Bridge" offriranno una maggiore efficienza energetica, prestazioni visual intelligenti e tempi di risposta ottimizzati.
"Ivy Bridge" è il primo chip prodotto in grandi quantità basato sulla tecnologia di produzione a 22 nanometri (nm) di Intel, che impiega i transistor tri-gate 3D, una rivoluzionaria architettura annunciata lo scorso maggio.
Maloney ha inoltre evidenziato le tecnologie USB 3.0 e Thunderbolt, che fanno parte del costante impegno di Intel verso il progresso della piattaforma PC.
Dopo "Ivy Bridge", i prodotti previsti per il 2013, nome in codice "Haswell", rappresentano la terza fase verso la realizzazione di Ultrabook e il rinnovamento delle funzionalità del notebook in design ultrasottili e leggeri, caratterizzati da tempi di risposta rapidi e una maggiore sicurezza.
Con "Haswell", Intel cambierà il TDP dei notebook mainstream, dimezzando il consumo energetico dei microprocessori rispetto ai parametri attuali.

[tit:Il futuro delle cpu Atom]

Maloney ha evidenziato i principali traguardi e ha fornito altri dettagli sulle nuove generazioni di piattaforme basate su processore Intel Atom per tablet, netbook e smartphone. Il processore Atom seguirà ritmi più veloci di quelli previsti dalla Legge di Moore, passando dalla tecnologia di processo a 32 nm attraverso i 22 nm fino ai 14 nm entro i 3 anni successivi.
La disponibilità di una nuova generazione di processo ogni anno porterà a una riduzione significativa della dispersione elettrica dei transistor e della potenza attiva e a un aumento della densità dei transistor, per rendere possibile lo sviluppo di potenti smartphone, tablet e netbook dotati di maggiori funzionalità e di una prolungata durata della batteria.
Raggiungendo questo mese il traguardo dei 100 milioni di unità, Intel prepara la piattaforma netbook di nuova generazione, nome in codice "Cedar Trail", la prima a essere basata sulla tecnologia Intel a 32 nm, che porterà allo sviluppo di design ultrasottili, senza ventole, con nuove funzionalità, ad esempio la tecnologia Intel Rapid Start per una ripresa rapida dalla sospensione, la tecnologia Intel Smart Connect, che mantiene il sistema sempre aggiornato anche in modalità standby, Intel Wireless Display e PC Synch, che consentono agli utenti di aggiornare e sincronizzare documenti, contenuti standard e multimediali in remoto tra
più dispositivi. Inoltre, le nuove piattaforme offriranno più di 10 ore di autonomia della batteria e
diverse settimane in standby. "Cedar Trail" supporterà i principali sistemi operativi, ad esempio
Microsoft Windows, Google Chrome e MeeGo.
intel-ecco-i-computer-del-futuro-2.jpgMaloney ha inoltre presentato più di 10 tablet già disponibili in commercio, con diversi sistemi operativi, basati sul processore Intel Atom Z670. Dal lancio di aprile, la piattaforma conta già più di 35 progetti, con diversi dispositivi convertibili, a scorrimento e altri design innovativi già disponibili o attesi nei prossimi mesi dell'anno.
Maloney ha anche descritto "Medfield", la prima piattaforma Intel a 32 nm appositamente progettata per smartphone e tablet, ottimizzata per offrire prestazioni elevate e consumi ridotti, che renderà disponibile autonomia per contenuti multimediali e videogame, oltre a funzionalità avanzate di imaging. Per meglio illustrare questi aspetti nei tablet, Intel ha presentato per la prima volta un dispositivo basato su "Medfield" con Google Android 3.0 ("Honeycomb").
In produzione più avanti nel corso di quest'anno, la piattaforma consentirà di introdurre sul mercato tablet con un design di spessore inferiore a 9 mm e un peso di circa 0,7 chilogrammi nella prima metà del 2012 e il supporto di un'ampia gamma di sistemi operativi, tra cui Android ed MeeGo.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota