I server autosufficienti ProLiant Generation 8 di HP

Pubblicato il: 15/02/2012
Autore: Redazione ChannelCity

Questi prodotti, nati all'interno del programma Voyager, hanno l'obiettivo di eliminare molte delle operazioni manuali a supporto dei server, come quelle di aggiornamento e rappresentano un'opportunità per i partner di canale.

HP ha presentato la nuova gamma ProLiant Generation 8 (Gen8), costituita da server innovativi con elevata autosufficienza. Questi nuovi prodotti sono il risultato concreto del programma Voyager, progetto dal valore di 300 milioni di dollari e della durata di due anni, che ha l'obiettivo di ridefinire l'economia delle operazioni nel data center automatizzando ogni aspetto del ciclo di vita del server. Questo progetto costituisce la terza fase del piano pluriennale di HP di trasformazione del mercato server, iniziato nel novembre 2011 con Moonshot, progetto che ha trasformato l'approccio alla costruzione di server per ambienti computing a consumo energetico ultra-ridotto. La seconda fase, denominata Odyssey, ha invece ridefinito il computing mission-critical del futuro.
A oggi, il progetto Voyager ha permesso di completare più di 900 brevetti e una nuova architettura di sistema chiamata HP ProActive Insight, che comprenderà l'intera HP Converged Infrastrucure.
Questa architettura, costituita da hardware e software potenti, per automatizzare il ciclo di vita dei server, fornisce l'analisi continua di dati diagnostici importanti, come l'integrità, l'utilizzo energetico e altri. Come risultato, la velocità di implementazione degli aggiornamenti dei sistemi online risulta triplicata e i downtime diminuiscono del 93%.
Integrando tecnologie intelligenti che automatizzano una serie di attività e migliorano significativamente il tempo di funzionamento, HP ProLiant Gen8 con architettura HP ProActive Insight punta a risolvere le principali criticità delle aziende, triplicando la produttività dell'amministratore eliminando la maggior parte delle operazioni manuali, come l'aggiornamento del server, che generalmente occupano cinque ore per ogni rack di server. La funzionalità HP Smart Update, secondo HP, riesce a svolgere le attività di aggiornamento in 10 minuti o in un tempo ancora più ridotto. Inoltre, i server HP ProLiant Gen8 integrano i sensori HP 3-D Sea of Sensors, tecnologia che identifica i server sovra-utilizzati in base alla localizzazione in tempo reale, l'energia, i carichi di lavoro, i dati relativi alla temperatura, aumentando la capacità di calcolo per watt consumato fino al 70%. I sensori HP 3-D Sea of Sensors automatizzano  l'efficienza energetica, eliminando il 100% delle configurazioni manuali e gli errori nel processo di inventario. 
Grazie alle tecnologie di settore HP Active Health e HP Insight Online, HP Proliant Gen8 è in grado di analizzare automaticamente lo stato di salute di oltre 1.600 data point. Attraverso l'auto-monitoraggio, l'auto-diagnosi e il supporto proattivo, i clienti possono risolvere i problemi di downtime in modo veloce.
"I costi elevati delle operazioni in un data center sono insostenibili e le imprese stanno guardando ad HP per risolvere questo problema", afferma Mark Potter, senior vice president e general manager, Industry standard Server e Software, HP. "Stiamo sviluppando tecnologie di intelligence innovative, che abilitano i server a prendersi cura virtualmente di loro stessi, permettendo agli amministratori del data center di dedicare più tempo all'innovazione aziendale".
[tit: I nuovi server nei dettagli]
Testati in più di 100 data center funzionanti in contesti reali, i server HP ProLiant Gen8 integrano più di 150 innovazioni di design suggerite dai clienti che accelerano le performance applicative e consentono agli amministratori di eliminare i problemi che spesso sono causa di guasti, interruzioni operative e perdite di dati. Vediamone alcune più nei dettagli.
L'Automazione integrata del ciclo di vita velocizza l'implementazione delle applicazioni e migliora proattivamente l'uptime automatizzando i compiti manuali. Come risultato, i clienti possono aumentare la produttività, ridurre gli errori e semplificare le operazioni. Con questi miglioramenti, i server ProLiant Gen8, secondo HP, permettono allo staff  IT di risparmiare fino a 30 giorni all'anno di tempo amministrativo a persona per un data center di 929 metri quadrati.
L'Accelerazione dinamica del carico di lavoro ha l'obiettivo di migliorare di cento volte le prestazioni dello storage data-intensive grazie a un design in cui convergono server e storage che sfrutta tecnologie a stato solido. Funzioni analitiche intelligenti e sensibili al carico di lavoro consentono ai server HP ProLiant Gen8 di adattarsi in tempo reale per ottimizzare l'efficienza e le prestazioni dei sistemi.
L'Ottimizzazione energetica automatizzata propone una capacità-per-watt quasi raddoppiata e permette di risparmiare in tre anni 7 milioni di dollari in costi associati all'energia in un data center tipico, grazie ai server Energy-efficient HP ProLiant Gen8 e a rack intelligenti che integrano sensori built-in. HP 3D Sea of Sensors automatizza la gestione dell'inventario e traccia il consumo di energia per rack e per server, per consentire agli amministratori di ottimizzare agevolmente la collocazione del carico di lavoro.
Da non dimenticare, inoltre, la disponibilità di  servizio e assistenza proattivi, che permettono ai clienti di raggiungere una percentuale di risoluzione del problema al primo intervento pari al 95% grazie a HP Insight Online, portale di supporto e gestione IT cloud-based .
HP Insight Online è integrato con le tecnologie di intelligence dei server HP ProLiant Gen8, HP Insight Remote Support e HP Services e punta a garantire un'esperienza unificata del supporto e della gestione server attraverso la raccolta automatica delle informazioni relative a asset, integrità, contratti, garanzie e richieste di assistenza. I dati sono disponibili in modo sicuro ovunque e in qualsiasi momento, permettendo ai clienti di avere un accesso garantito ai partner di canale autorizzati di HP tramite il programma HP ServiceOne, offrendo una prevenzione proattiva dei problemi oltre alla risoluzione.
Già disponibili per i clienti early adopter, i server HP ProLiant Gen8 saranno diffusi tramite HP e i partner di canale a partire dal marzo prossimo. Appartengono alle nuova gamma i server tower HP ProLiant ML per uffici remoti e filiali, i server montati su rack HP ProLiantDL, i server blade
HP ProLiant BL per ambienti Converged Infrastructure di tipo cloud-ready e i server di sistema scalabili HP ProLiant SL specifici per gli ambienti web, cloud e su vasta scala.
[tit: Un'opportunità per i partner di canale]
I nuovi server costituiranno un'opportunità anche per i partner di canale di HP. Rivenditori, Var, system integrator potranno differenziarsi rispetto a quanti privilegiano i server provenienti dai competitor, proponendo soluzioni strategiche per i loro clienti, dalla manutenzione semplificata e in grado di diventare un'interessante fonte di ricavo, usando i canali di marketing e vendita tradizionalmente adoperati.
I partner aderenti all'HP ServiceOne Partner Program possono vendere e sviluppare servizi per tutto il ciclo di vita della soluzione. Possono, inoltre, ampliare ulteriormente il loro portafoglio di servizi e accrescere anche le possibilità di assistenza ai partner in remoto, creando ulteriori opportunità di consulenza ai clienti su tutta la vita della soluzione.
Secondo HP, i processi automatizzati dei nuovi server avvantaggiano anche i partner di canale dal punto di vista della riduzione di processi manuali e possibilità di errori, con una riduzione dei costi. Più
facili saranno le attività di installazione, mentre saranno ridotti anche i tempi di fermo per guasto. Saranno più semplice l'aggiornamento, la manutenzione, le attività di provisioning.
In particolare, l'analisi di dati diagnostici offerta dall'architettura HP ProActive Insight consentirà ai partner di sviluppare servizi di manutenzione e supporto ad hoc per i clienti.
Scegliendo di condividere  questa attività di analisi con HP e i suoi partner di canale, i clienti potranno contare su attività di supporto rapido e sicuro. Tramite HP Insight Online, nuova funzionalità del portale HP Support Center, i partner di canale di HP potranno controllare in tempo reale il funzionamento delle infrastrutture server del cliente mediante un cruscotto che permette di analizzare l'ambiente del cliente, tracciare le attività di servizio e supporto e gestire contratti e garanzie.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social