Gartner, il cloud computing nei prossimi tre anni

Pubblicato il: 03/05/2012
Autore: Chiara Bernasconi

Gartner propone cinque tendenze del cloud computing che costituiranno un punto di svolta nei prossimi tre anni e di cui gli utenti dovranno tener conto nei loro processi di pianificazione.

Secondo Gartner, sarà essenziale effettuare un monitoraggio continuo delle tendenze del cloud computing attraverso aggiornamenti regolari sull'organizzazione della strategia cloud, al fine di evitare costosi errori o perdere opportunità di mercato nei prossimi anni.
Sebbene il potenziale del cloud computing sia significativo, l'ampiezza e la profondità dell'impatto, così come il livello di adozione nel tempo, sono incerti e richiederanno frequenti valutazioni.
David Cearley, vice presidente di Gartner, ha dichiarato: "Il cloud computing è una tendenza tecnologica importante che ha permeato il mercato negli ultimi due anni. Occorre preparare il terreno per un nuovo approccio in modo da permettere agli individui e alle imprese di scegliere come acquisire o fornire servizi IT, con particolare attenzione ai vincoli di software tradizionali e ai modelli di licenza hardware. Il cloud computing ha un significativo impatto su ogni aspetto della IT e su come gli utenti accedono alle applicazioni e ai servizi di informazione e di business".
Gartner ha individuato cinque tendenze del cloud computing che costituiranno un punto di svolta nei prossimi tre anni e di cui gli utenti dovranno tener conto nei loro processi di pianificazione:

Strutture decisionali volte ad agevolare l'ottimizzazione di investimenti cloud: Il cloud promette di offrire una serie di vantaggi, tra cui la riduzione di costi in generale, una maggiore
agilità e una minore complessità. Può anche essere utilizzato per sostenere l'innovazione di business e, potenzialmente, minori rischi. Tuttavia, questi potenziali benefici devono essere esaminati attentamente e messi a confronto con una serie di sfide, compresa la sicurezza, la mancanza di trasparenza, le preoccupazioni sulle prestazioni e la disponibilità, la possibilità di vendor lock-in,
vincoli di licenza e le esigenze di integrazione.

Il cloud computing ibrido è un imperativo: Per cloud computing ibrido si intende il coordinamento e la combinazione di servizi di cloud computing esterni (pubblici o privati) con le infrastrutture interne o i servizi applicativi. Nel corso del tempo, il cloud computing ibrido potrebbe portare ad un modello unificato nel quale esiste un unico "cloud" composto da più piattaforme (interna o esterna) che possono essere utilizzate, come necessario, sulla base mutevoli esigenze del business.

Il brokerage cloud faciliterà il consumo cloud: Una società di intermediazione di servizi cloud (CSB, cloud service broker) è un fornitore di servizi che svolge un ruolo di intermediario nel cloud computing. L'interesse per il concetto di CSB è aumentato nell'ultimo anno e Gartner prevede che questa tendenza crescerà nei prossimi tre anni. Per affrontare questa sfida, i reparti IT devono studiare come potersi posizionare in qualità di CSB per l'organizzazione creando un
processo di acquisto che ospita le adozioni del cloud e incoraggia unità di business a introdursi nell'organizzazione IT per fornire consulenza e supporto. L'approccio CSB può essere implementato modificando processi esistenti e strumenti come i portali interni e i cataloghi di servizio.

Il cloud-centric design diventa una necessità: Molte organizzazioni guardano per prima cosa alle opportunità di far migrare gli esistenti carichi di lavoro verso un sistema cloud o un'infrastruttura applicativa. Questo approccio può fornire benefici nei casi in cui il carico di lavoro è altamente variabile o dove la domanda si presta a una scalabilità di tipo orizzontale. Tuttavia, per sfruttare appieno il potenziale di un modello cloud, le applicazioni devono essere progettate con le caratteristiche uniche, i limiti e le opportunità di un modello cloud nella mente. Gartner consiglia alle imprese di guardare oltre la migrazione dei carichi di lavoro dell'organizzazione per la creazione di applicazioni cloud-ottimizzate che sappiano sfruttare appieno le potenzialità della nube.

Le influenze del cloud computing nei futuri data center e dei modelli operativi: Nel cloud computing pubblico, un'organizzazione agisce come un consumatore di servizi, con il provider di servizi cloud che gestisce l'implementazione dei dettagli, tra cui i data center e i relativi modelli operativi.
Tuttavia, nella misura in cui l'organismo continua a costruire i propri data center, essi saranno influenzati dai modelli di implementazione utilizzati dai provider di servizi cloud. Gartner consiglia alle organizzazioni di applicare i concetti di cloud computing per il futuro dei data center e degli investimenti delle infrastrutture per aumentare agilità ed efficienza.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social