Sicurezza e clienti, il ruolo strategico dei partner di canale

Pubblicato il: 26/07/2012
Autore: Francesco Merli

Se da una parte l'aspetto della sicurezza in mobilità viene visto come tema centrale da parte dell'IT manager, vediamo come questo viene recepito dal canale e con quali approcci il vendor sollecita il reseller.

Dopo aver affrontato le tematiche delle imprese ora mettiamo a fuoco quelle del canale ovvero come i soggetti che poi dialogano con le imprese affrontano il tema della sicurezza in mobilità e come i vendor si stanno muovendo nei confronti dei loro partner del canale indiretto per aiutrarli a costruire un business, in molti casi nuovo.
Alla domanda "C'è attenzione da parte del canale a questo nuovo tema o viene vissuto solamente come un'estensione del mercato della sicurezza?". Vediamo le risposte di GFI Software, F-Secure, Kasersky, McAfee, Symantec e Trend Micro.
"Stiamo assistendo ad una crescente attenzione, proprio in relazione alla diffusione del fenomeno dei dispositivi mobile in azienda. Inoltre, stiamo vivendo un significativo aumento di richieste , soprattutto per quanto riguarda Android, che riflette la crescita degli allarmi sulle minacce informatiche che, in modo più o meno nascosto, colpiscono questo sistema operativo da circa un anno.", ci dice Maurizio Taglioretti, Regional Director Southern Europe GFI Software. "Si tratta di rischi non nuovi, di cui gli utenti però stanno prendendo consapevolezza solo ora -  grazie anche ad una maggiore attenzione  da parte della stampa – e che hanno avuto come conseguenza un aumento di richieste per prodotti antivirus per Android, soprattutto da parte del mondo Enterprise".
Per Michele Caldara di F-Secure Italia…"Il canale è la fotocopia dell'IT manager, ovvero possiamo dire che c'è una cauta attenzione in merito, in attesa dell'evolversi del mercato. Noi di F-Secure crediamo molto nella sicurezza e nella protezione dei dati, che va applicata su ogni device che contiene dati personali o che possa collegarsi a internet. Da alcune nostre indagini, è emerso che il maggior danno subito per il furto o la perdita del telefono non è il valore dell'oggetto, ma di quello che lo stesso contiene: dati personali e aziendali".
Secondo il Sales Director di Kaspersky Lab Italia le opportunità di business vengono rilevate dal canale: "Il canale è da sempre attendo all'offerta migliore e non soltanto all'offerta più conveniente. Kaspersky offre un buon mix di entrambe, con una sicurezza davvero efficace e marginalità corrispondente assolutamente degna di nota. Quindi le novità tecnologiche poste in questo senso sono ben accette e soprattutto ben comunicate all'utente finale".
Anche l'analisi di Ombretta Comi di McAfee non si discosta molto dalla precendente: "La crescita nella diffusione dei dispositivi mobile è ancora inarrestabile e sono diventati ormai compagni indispensabili nella vita di tutti i giorni e nello svago, e certamente anche il canale informatico si dimostra molto attento alle implicazioni di sicurezza della proliferazione dei dispositivi mobile".
Interessante la differenziazione messa in campo dall'analisi di Symantec da parte di Massimiliano Bossi: "Il canale non è indifferente a quanto sta accadendo in tema di mobility, ma la sicurezza per i dispositivi mobili ancora non viene vissuta come un elemento che si differenzia rispetto alle altre soluzioni di security. C'è di sicuro attenzione, ma il canale ad oggi non ha sviluppato una risposta unica alle diverse esigenze dei clienti. Symantec sta lavorando in tal senso, investendo per offrire soluzioni complete e uniche di gestione e sicurezza dei dispositivi mobili".
Trend Micro offre invece una visione "futuristica" del problema."Il canale è ancora in gran parte focalizzato su un approccio alla sicurezza di tipo tradizionale. I nuovi scenari conseguenti alla consumerizzazione dell'IT rappresentano però un'estensione importante del mercato della sicurezza e il canale deve essere pronto a cogliere le nuove opportunità di business che ne derivano. Come vendor stiamo lavorando per promuovere una maggiore sensibilità nei confronti del tema attraverso iniziative di informazione e formazione tra cui roadshow e webinar anche in ambiente mobile", conclude Maurizio Martinozzi. 

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota