Nvidia Tegra 4i, il chip SoC per gli smartphone di domani

Pubblicato il: 19/02/2013
Autore: Daniele Preda

Nvidia annuncia Tegra 4i il chip SoC per smartphone di prossima generazione, dotato di CPU quad-core con companion core, connettività integrata 4G LTE e dimensioni ridotte.

Questo periodo è particolarmente prolifico per Nvidia che, dopo gli annunci del CES di Las Vegas, introduce oggi un SoC chip destinato agli smartphone. Nvidia Tegra 4i, nome in codice Grey, riprende molte delle specifiche già note di Tegra 4 “Wayne”, ma ne introduce molte altre. 
nvidia-tegra-4i-soc-ad-elevata-integrazione-per-sm-2.jpgSecondo il chip maker, questa declinazione Tegra, espressamente realizzata per smartphoneoffre interessanti caratteristiche sotto l’aspetto della potenza di elaborazione, delle dimensioni e dell’efficienza complessiva.
Tra gli aspetti più interessanti, al di là di potenza di calcolo e consumi, le dimensioni ridotte del chip, che facilitano l’integrazione nei terminali moderni e consentono di raggiungere un elevato rapporto performance/mm2
nvidia-tegra-4i-soc-ad-elevata-integrazione-per-sm-1.jpgTegra 4i sfrutta un core di dimensioni di 1,15 mm2, rispetto ai 2,7 mm2 di Tegra 4 e ai 2,6 mm2 del competitor Snapdragon S800 con architettura Krait. Nel complesso, il chip, realizzato a 28 nm come Tegra 4, ha una superficie di soli 60 mm2 ed è nettamente più piccolo delle versioni Tegra 3 e 4.
Tutto questo consente una rapida adozione nei layout di prodotto e una semplificazione nella progettazione delle micro-board che sono integrate negli smartphone in commercio. Secondo Nvidia, Tegra 4i sarà disponibile tra la fine dell’anno e i primi mesi del 2014.

[tit:Tegra 4 e Tegra 4i]L’annuncio consecutivo, a distanza di poche settimane, prima per  Tegra 4, poi per Tegra 4i, potrebbe confondere i non addetti ai lavori. Va perciò chiarito immediatamente il target dei due prodotti. Mentre Tegra 4 è destinato ai tablet e ai “superphone”, ovvero i terminali di fascia altissima, Tegra 4i è una soluzione ad elevata integrazione, con performance e consumi particolarmente interessanti, pensato esclusivamente per smartphone.
nvidia-tegra-4i-soc-ad-elevata-integrazione-per-sm-7.jpg
Come anticipato, alcune caratteristiche sono trasversali alla nuova famiglia Tegra, a partire dall’architettura a cinque core. Come per Tegra 3, le due attuali varianti sfruttano quattro core per le operazioni più complesse e per accelerare il gaming, mentre un quinto core “companion” è in grado di assolvere alle attività meno pesanti e consente un uso fluido, analogamente a un sensibile risparmio di batteria.
Quello che cambia tra le due versioni è la tipologia di CPU adottata. Mentre Tegra 4 sfrutta CPU ARM Cortex-A15, l’attuale Tegra 4i sfrutta la revisione R4 dell’architettura ARM Cortex-A9, circa il 60% più veloce rispetto alle versioni A9 in commercio. Per quanto riguarda il clock di lavoro, Nvidia spinge sull’acceleratore e porta Tegra 4i a 2,3 GHz, una frequenza particolarmente elevata e superiore del 21% rispetto a 1,9 GHz di Tegra 4. 
Nvidia Tegra 4i è un chip con funzionalità integrate per certi aspetti più complesse, rispetto a Tegra 4 e, dovendo essere integrato su smartphone, le specifiche generali sono state leggermente ridimensionate, in paragone alla variante per tablet. Il vantaggio tecnologico proposto con Tegra 4i deriva dalle ottime potenzialità di calcolo, dall’elevata integrazione e dalla miniaturizzazione del chip, che permette di raggiungere maggiori indici di performance per mm2.
L’attuale versione supporta sino a 2 GByte di memoria LPDDR3 e vanta una GPU con 60 core (72 core per Tegra 4). La massima risoluzione di lavoro è di 1.920x1.080 pixel, per il display principale e per l’output video HDMI 1080P. Il sistema è dunque in grado di pilotare schermi con risoluzione particolarmente elevata, come si addice alle prossime generazioni di smartphone. 
nvidia-tegra-4i-soc-ad-elevata-integrazione-per-sm-6.jpgTegra 4i vanta una specifica relativa al comparto delle comunicazioni, attualmente assente e solo opzionale per il SoC Tegra 4. Il chip integra infatti, in modo nativo, il sistema di comunicazione i500 4G LTE, per trasmissioni ad elevata velocità Cat3/Cat4 fino a 150 Mbps in download e 50 Mbps in upload. Il modem supporta inoltre comunicazioni secondo lo standard HSPA+ sino a 42 Mbps e TD-HSPA a 4,2 MBps. Per garantire un utilizzo immediato e un’ampia compatibilità futura Nvidia sfrutta la tecnologia Software-Defined Radio (SDR), che permette di raggiungere sin da subito i 100 Mbps e di effettuare aggiornamenti futuri sino a 150 MbpsQuesto comparto è stato sviluppato per lungo tempo e ottimizzato per la piattaforma Tegra, in abbinamento agli ambienti Windows RT e Android.
nvidia-tegra-4i-soc-ad-elevata-integrazione-per-sm-5.jpgA livello costruttivo il design del progetto consente di contenere le misure generali e di ridurre lo spessore finale.
Nvidia ha progettato il chip per supportare il sistema Computational Photography Architecture, integrato anche su Tegra 4. Questo sistema permette di controllare l’esposizione delle fotografie scattate tramite il sensore interno. Per abilitare questa piattaforma vengono impiegate a fondo le risorse CPU e GPU, per la generazione di due scatti e l’applicazione di filtri HDR. Ciò consente una migliore esposizione e una ridotta rumorosità delle foto, anche in condizioni di scarsa illuminazione. La piattaforma assicura inoltre funzionalità “tap to track” e la possibilità di realizzare fotografie panoramiche HDR.

[tit:Nvidia Phoenix]Nvidia intende sostenere la nuova generazione Tegra 4, in particolar modo Tegra 4i, che sarà svelato al pubblico dell’MWC di Barcellona, dal 25 al 28 febbraio.
nvidia-tegra-4i-soc-ad-elevata-integrazione-per-sm-4.jpgPer assicurare ampia visibilità e un time-to-market ridotto, il chip maker introduce il proprio smartphone reference, chiamato Phoenix.
Si tratta di un dispositivo dimostrativo, utile per gli sviluppatori e gli integratori, che potranno prendere ad esempio le soluzioni adottate.
nvidia-tegra-4i-soc-ad-elevata-integrazione-per-sm-3.jpgIl campione prevede la disponibilità di uno schermo da 5” con risoluzione 1080p, uno chassis con spessore di 8 mm, oltre naturalmente al chip Tegra 4i, connettività 4G LTE, DirectTouch e la piattaforma Computational Photography Architecture.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota