Fregi, CA Technologies si affida ai partner per accrescere la competitività delle aziende

Pubblicato il: 24/04/2013
Autore: Barbara Torresani

Il nuovo country manager declina le linee guida che intende attuare nella filiale italiana. Focalizzazione e nuovi livelli di interlocuzione prendono forma attraverso una riorganizzazione interna e il contributo dei partner.

A pochi mesi dalla nomina di country manger della filiale italiana di CA Technologies Fabio Fregi, un passato in Microsoft e Oracle, fa un primo bilancio e racconta le linee guida che intende seguire, in cui il ruolo dei partner appare sempre più decisivo.
CA Technologies è una società che negli anni è stata capace di trasformarsi seguendo le nuove tendenze del mercato; spesso gioca al tavolo dei grandi con un’offerta composita e molto estesa con l’agilità di una struttura snella e flessibile con un organico di circa 200 persone.fregi-ca-technologies-si-affida-ai-partner-per-acc-1.jpg
Primo obiettivo: la focalizzazione
. “Dobbiamo migliorare  la capacità di raccontare la nostra offerta al mercato. Un’offerta che si è evoluta nel tempo attraverso una stratificazione di acquisizioni di prodotti eccellenti: ttte scelte occulate. Non è facile però comprendere la portata e l’impatto di tutto ciò che siamo in grado di proporre al mercato: dal mainframe fino alle componenti applicative”, dice. capace di rispondere in modo più rapido rispetto ai colossi informatici ai momenti di discontinuità di mercato. E’ un’azienda che vuole scrollarsi di dosso l’etichetta di vendor prettamente mainframe, che, pur rappresentando l’ambito storico e uno degli assi portanti dell’offerta, ne è solo una componente. Molte altre sono quelle di riferimento e guardano a paradigmi tecnologici e di business più innovativi in linea con l’evoluzione del mercato: sicurezza, cloud, social e mobility.“In questi tre mesi di mandato ho potuto conoscere l’intera offerta societaria e confrontarmi con molti clienti. Ho scoperto un’azienda con un potenziale superiore a quello percepito sul mercato e ho trovato ottimi riscontri. Ora è tempo di agire”, dichiara Fregi. Il country manager ha individuato alcuni punti critici della filiale italiana su cui intende lavorare, forte dell’esperienza maturata nelle realtà precedenti.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota