Western Digital WD Red, storage per NAS

Pubblicato il: 13/09/2013
Autore: Daniele Preda

WD annuncia nuovi modelli della famiglia WD Red, con specifici modelli pensati per NAS destinati agli ambienti home, soho e agli studi professionali.

Western Digital rende disponibili nuovi modelli della famiglia WD Red, unità specificamente sviluppate per dispositivi NAS integrati in ambienti professionali. Si tratta di una linea di prodotti che è stata immessa sul mercato poco più di un anno fa, con l’intento di proporre hard disk affidabili dai costi contenuti, per applicazioni di storage di rete.
western-digital-wd-red-storage-per-nas-4.jpgAd oggi, WD sottolinea il successo di questa famiglia di drive che si propone all’utenza small office e home, per l’integrazione di NAS diskless o per la sostituzione/aggiornamento di vecchie unità, per modelli fino a 5 bay.
western-digital-wd-red-storage-per-nas-1.jpgCome ci ha spiegato Davide Vento, Business Manager Italy di Western Digital, i modelli WD Red si posizionano al di sopra delle unità desktop serie Blue e Green, sia per quanto riguarda il prezzo, sia per quanto concerne le caratteristiche tecniche.
Parliamo di unità 24x7, dotate di un firmware specifico, studiate per durare nel tempo e con un MTBF di 1 milione di ore, nettamente superiore alle 600mila ore garantite da un drive desktop. Proprio in virtù di queste buone caratteristiche WD propone i modelli Red a chi desidera costruire o popolare nuovi NAS per i piccoli ambienti di lavoro.
Fino a un anno fa, infatti, per realizzare un NAS di dimensioni medio/piccole era infatti necessario affidarsi a unità desktop, modelli non specificamente pensati per questo tipo di utilizzo. Con la constante crescita dello spazio richiesto per stoccare dati digitali personali e di lavoro, la disponibilità di un NAS multi-bay, anche in ambienti domestici, sta diventando una realtà.
western-digital-wd-red-storage-per-nas-6.jpgCitando fonti IDC, WD sottolinea la continua domanda di nuove unità NAS da 1 sino a 12 bay, un mercato che crescerà di cinque volte entro il 2017.
Di fatto, se oggi da un dispositivo DAS si richiedono maggiori prestazioni e possibilmente una connettività wireless, per i modelli NAS risulta indispensabile poter offrire maggiori capacità e versatilità.
Lo storage non è più considerato con un semplice disco in un PC desktop, il concetto si è evoluto, per arrivare a coprire la maggior parte del mercato, dalle soluzioni di archiviazione, backup, virtualizzazione, videosorveglianza.
western-digital-wd-red-storage-per-nas-5.jpgDunque, la disponibilità di modelli WD Red, al fianco delle versioni WD SE, per data center e unità NAS da 6 a 12 bay e delle varianti WD RE (Raid Edition), per sistemi enterprise, amplia a tutti gli effetti le possibilità offerte agli utenti e semplifica la progettazione di nuovi sistemi di storage soho.
Secondo le stime più recenti, sui 40mila drive WD venduti nel trimestre aprile-giugno 2013, per il formato 3,5", oltre 12.600 sono WD Red, un dettaglio che evidenzia l’effettiva esigenza della clientela di poter disporre di un hard disk per NAS, affidabile, ma dal costo contenuto.

[tit:WD, i nuovi modelli e la politica di canale]Per soddisfare il canale e i clienti finali, WD ha intrapreso una politica di rinnovamento. Tra le prime novità, il rilascio di nuovi modelli WD Red. Ai modelli da 3,5” che hanno costituito sino ad oggi l’unica variante di formato, WD affianca il neonato modello WD40EFRX da 4 TByte (219,90 Euro).
Si tratta di un modello ad alta capacità, destinato a quegli ambienti dove lo spazio di archiviazione è un fattore critico. La famiglia da 3,5” conta ora modelli da 1, 2, 3 e 4 TByte, contraddistinti da un’interfaccia Serial Ata 3 a 6 Gbps, il supporto Advanced Format e 64 MByte di cache integrata. Il regime di rotazione variabile IntelliPower consente di modulare le performance del disco, riducendo consumi e vibrazioni, allungando il ciclo di vita utile del drive.
Questi dischi sfruttano la versione 2.0 del firmware dedicato WD NASware, appositamente sviluppato per garantire affidabilità, stabilità delle performance e durata nel tempo.
Proprio per questo, e grazie allo sviluppo congiunto con alcuni produttori di NAS, tra i quali QNAP e Synology, i drive WD Red rientrano in numerose liste di compatibilità di apparati di storage di rete.
western-digital-wd-red-storage-per-nas-2.jpgMa le novità non finiscono qui, WD annuncia i primi dispositivi della generazione Red in formato 2,5”, per supportare i nuovi fattori di forma dei NAS compatti che si stanno affacciando sul mercato.
I modelli WD10JFCX (139,90 Euro) e WD7500BFCX, vantano rispettivamente una capacità non formattata di 1 TByte e 750 Gbyte e sono costruiti con un compatto chassis da 2,5” e uno spessore di 9,5 mm. La tecnologia e le specifiche integrate del firmware e del controller sono le stesse dei modelli da 3,5” (la cache in questo caso è di 16 MByte), per garantire una facile integrazione anche negli chassis NAS che supportano sia modelli desktop, sia da 2,5”.
Oltre alle dimensioni contenute, tra i vantaggi principali dei WD Red da 2,5” è da annoverare sicuramente il ridotto consumo energetico, che scende dai 3,3 W in lettura/scrittura del modello 3,5” da 4 TByte, ad appena 1,4 W.

Per supportare i clienti e far conoscere al meglio le specifiche dei nuovi prodotti, Western Digital rinnova e irrobustisce i propri programmi di canale. Oltre a proporre una garanzia di 3 anni per i modelli Red, WD è forte di una presenza locale per quanto riguarda il sales e il marketing diretto, dettaglio che permette a rivenditori e dealer di avere un contatto immediato, in lingua italiana, con l’azienda.
western-digital-wd-red-storage-per-nas-3.jpgWD Direct è il programma di canale per i potenziali clienti che acquistano tra le 300 e le 1.000 unità a trimestre, ai quali viene dedicata una figura inside sales, che si occuperà di supportare il partner e di proporre novità, comunicando informazioni e promozioni, ma non solo.
My WD è invece un sito Web per reseller e costituisce un secondo programma dedicato, che permette di accumulare punti acquistando prodotti WD, per ulteriori sconti, una volta raggiunta una soglia minima concordata.
WD University è invece pensato per offrire ai client un avanzato sistema di training online, indispensabile per formare ed educare la forza vendite e i tecnici, relativamente ai prodotti e alle tecnologie WD. Ognuno degli aspetti della politica Western Digital è stato studiato per arricchire il canale e far conoscere la tecnologia. WD non intende infatti entrare in competizione con il mercato sulla mera base dei prezzi e degli sconti accumulabili in caso di acquisto di grandi quantità.
Tra i servizi recentemente introdotti, WD Care, soluzioni sviluppate per garantire una maggiore copertura della garanzia sui prodotti acquistati. Nel primo caso,
WD Extended permette di portare da 2 a 3 anni la garanzia dei modelli WD Green e Blue, registrando il prodotto entro 30 giorni, al prezzo di 9,99 Euro.
WD Express, al costo di 19,90 Euro, propone il medesimo upgrade e, in più, garantisce la sostituzione del prezzo entro 2 giorni lavorativi.
Le formule indicate si applicano anche ai dischi WD Red e portano tali unità da una garanzia di 3 anni, a ben 4 anni.
In prospettiva, per sostenere al meglio il canale e mantenere un elevato livello di soddisfazione dei clienti, WD si è posta come obiettivo la sostituzione dei prodotti difettosi entro un solo giorno lavorativo. Attualmente questa formula non è operativa ma l’azienda sta lavorando per poter applicare procedure di intervento ancora più rapide nei prossimi mesi.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social