Thecus rinnova le piattaforme NAS

Pubblicato il: 25/10/2013
Autore: Daniele Preda

Thecus irrobustisce la propria gamma di prodotti e soluzioni per lo storage e la gestione dati, integrando nuove piattaforme hardware e un rinnovato set di funzionalità software.

Thecus arricchisce e amplia la famiglia di dispositivi NAS per ambienti Soho, Home e aziendale, introducendo nuovi modelli e un sistema operativo più flessibile e moderno. La società, con quartier generale a Taiwan e sedi in Olanda, Stati Uniti, Cina, prosegue l’aggiornamento della linea prodotti e della piattaforma software, per rispondere alle esigenze dell’utenza domestica e professionale.
thecus-rinnova-le-piattaforme-nas-1.jpgThecus persegue i propri obiettivi proponendo una strategia che si basa sullo sviluppo di piattaforme di storage innovative, a misura di utente, e con un occhio di riguardo per la sicurezza e la protezione dei dati. Ad oggi, la famiglia di NAS Thecus comprende numerose varianti compatte e tower, da due a 10 bay, per impieghi SMB e per imprese di medie dimensioni. Non mancano le versioni formato rack 1U, 2U e 3U, con CPU Atom, Core e Xeon e sino a 16 bay.

I prodotti Soho comprendono il modello compatto a due bay N2130, con CPU PowerPC a 800 MHz, 512 MByte di RAM DDR3 e capacità supportate sino a 8 TByte lineari. Per gli utenti con esigenze più importanti è disponibile la generazione N2520 e N2560, con CPU Atom a 1,2 o 1,6 GHz, 1 – 2 GByte di RAM e un sistema di raffreddamento e gestione energetica capace di ridurre consumi e rumorosità. Tra le peculiarità di questi NAS, il supporto per la riproduzione diretta su TV e proiettori via HDMI. La serie N4520 e N4560 vanta una base hardware Intel Atom, 2 GByte di RAM e quattro drive bay, per raggiungere una capacità lineare di 16 TByte.  
thecus-rinnova-le-piattaforme-nas-4.jpgLa generazione di NAS per lo Small Business comprende quattro modelli che condividono la piattaforma Atom Dual Core e 2 GByte di RAM espandibili a 4 GByte. Per quanto riguarda la connettività sono disponibili porte USB 3.0, due Lan Gbit e uscite HDMI, VGA e audio. I modelli desktop N2800, N4800, N5550 e N7510 sono realizzati in formato mini-tower compatto e ospitano rispettivamente, 2, 4, 5 e 7 drive da 2,5” / 3,5”, per capacità che possono raggiungere i 28 TByte nel modello di fascia alta.

[tit:Versioni enterprise]Per la fascia enterprise e le aziende con infrastruttura di rete estesa, Thecus propone le varianti rack N16000PRO, N12000PRO e N8900, con 16, 12 e 8 bay rispettivamente. I primi due modelli, con chassis 3U e 2U, vantano CPU Xeon E3-1275 e 8 GByte di RAM, mentre la variante entry-level di questo segmento dispone di una CPU Core i3-2120.
thecus-rinnova-le-piattaforme-nas-5.jpgSi tratta di dispositivi di storage di alto livello, per ambienti con un elevato numero di clienti e che offrono un sistema di alimentazione ridondato, supporto SAS, una doppia ROM, porte USB 3.0 e possibilità di espansione con interfacce di rete a 10 GBps.
thecus-rinnova-le-piattaforme-nas-6.jpgPer garantire la massima disponibilità di accesso e ridurre il down-time o la perdita di dati, Thecus offre il supporto live block synchronization, che permette di sincronizzare in tempo reale un NAS server attivo con uno secondario. La connessione diretta tra i macchinari non penalizza il throughput della rete interna e consente agli amministratori di rete di proteggere i dati in modo costante.
thecus-rinnova-le-piattaforme-nas-7.jpgA supporto delle reti più ampie e complesse, Thecus propone i volumi di espansione D16000 che possono essere pilotati direttamente dai NAS server N16000 in modalità Daisy Chain, tramite porta di espansione SAS 8088. Ciascun D16000 ospita sino a 16 drive e permette di espandere la capacità della rete sino a 64 TByte. Considerando la connessione di un massimo di quattro NAS identici si possono perciò aggiungere fino a 256 TByte di ulteriore spazio per dati e applicazioni.

La famiglia di server per lo storage destinata al segmento enterprise si completa con la disponibilità dei dispositivi a base Windows. Il listino annovera tre varianti dotate di Microsoft Windows Storage Server 2012, grazie alla certificazione Thecus come Windows Embedded Partner.
Anche in questo caso, per rispecchiare specifiche e possibilità di impiego, il produttore ha mantenuto una numerazione dei modelli simile ai precedenti NAS, anteponendo una “W”. Al top di gamma troviamo il W16000, in formato 3U, con 16 bay drive, capacità sino a 64 TByte, CPU Xeon E3-1225 Quad-Core a 3,1 GHz e 8 GByte di RAM DDR3. Le medesime caratteristiche sono disponibili per il modello W12000, dotato però di 12 bay e in formato 2U. Il NAS W8900, è costruito all’interno di uno chassis 2U da 8 bay e vanta un processore Core i3-2120 a 3,3 GHz.  

[tit:ThecusOS 6.0 e il software]Per lo sviluppo di prodotti potenti e flessibili è indispensabile proporre una piattaforma software al passo coi tempi e capace di ottimizzare le risorse hardware disponibili. Proprio per questo è disponibile ThecusOS versione 6.0, basato su una versione embedded Linux, migliorata e ridisegnata per offrire ridotti tempi di installazione e per facilitare l’uso da parte degli utenti.
thecus-rinnova-le-piattaforme-nas-2.jpgLa nuova interfaccia è ora più comprensibile e offre il supporto avanzato per dispositivi portatili, per i servizi Free DDNS e incorpora funzioni per l’aggiornamento automatico di applicazioni e del firmware. Adottando Free DDNS e l’App T-OnTheGo è possibile rendere il NAS accessibile ai device mobile con tre semplici passaggi, previa installazione dell’applicativo e la configurazione del servizio WebDAV.
thecus-rinnova-le-piattaforme-nas-3.jpgThecus sostiene il percorso di passaggio verso le piattaforme cloud proponendo un sistema di storage locale costantemente condiviso con “la nuvola”, per l’accesso dai desktop, dal NAS stesso e dai dispositivi portatili. I dispositivi con porta HDMI vantano inoltre un pacchetto precaricato per la gestione di sorgenti video e differenti codec. Thecus incorpora XBMC e il player VLC, per trasformare i propri NAS in riproduttori multimediali a tutto tondo. Grazie alla codifica hardware per l’encoding e il supporto Full HD 1080p è infatti possibile visionare filmati di alta qualità, per l’intrattenimento domestico, oppure per la realizzazione di chioschi e presentazioni a ciclo continuo. La gestione del dispositivo può avvenire tramite device USB, come tastiere o mouse, o tramite l’App per mobile.
Oltre a un esteso ecosistema Development Kit, che consente alla comunità di sviluppare moduli addizionali per le piattaforme di storage, Thecus garantisce la sicurezza dei dati memorizzati appoggiandosi al servizio antivirus offerto da McAfee e incorporato direttamente sui NAS.
Per gli ambienti professionali è assicurato il backup diretto di completi volumi RAID, come anche di singole cartelle e target iSCSI. Il salvataggio locale o remoto può avvenire verso altre directory locali, verso dispositivi USB o eSATA, verso NAS addizionali o il cloud.
Le realtà aziendali, anche le più piccole, apprezzeranno il supporto per i sistemi di videosorveglianza e la possibilità di pilotare IPCam tramite il pacchetto NVR Thecus VisoGuard, disponibile di serie per i modelli Vxxxx. La struttura consente una flessibile configurazione delle aree di interesse, il tutto tramite interfaccia Web, archiviando il flusso dati direttamente sul pool RAID selezionato.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota