AMD, nuove APU Berlin per server efficienti

Pubblicato il: 13/11/2013
Autore: Daniele Preda

AMD rinnova la propria strategia in ambito server e reinventa le piattaforme ad alta densità, proponendo CPU Opteron X-Series con architettura APU “Berlin”, che si affiancano alle varianti ARM.

AMD reinventa il segmento server e, ormai da diversi mesi, ha rinnovato differenti prodotti che si rivolgono a questa fascia di mercato, al settore data center ed enterprise. Di fatto, dopo aver presentato i nuovi Opteron X-Series, nome in codice “Kyoto”, è ora io momento di soluzioni che vedranno la luce il prossimo anno. Stiamo parlando di dispositivi che spaziano, dalle convenzionali CPU multi-core, alle APU dedicate all’ambito server, ai microprocessori a base ARM.
amd-nuove-apu-berlin-per-server-efficienti-2.jpgSecondo le previsioni, la prima unità a essere disponibile, nel corso del primo trimestre 2014 sarà “Warsaw”, una CPU per server specializzata per un impiego aziendale e per configurazioni 2P e 4P. Queste versioni vanteranno un elevato rapporto prestazioni/TCO e consentiranno di creare macchine potenti e con un basso costo di gestione. AMD ha lavorato per garantire un rapporto performance-per-Watt migliore delle precedenti generazioni. In questo modo, le nuove CPU costituiranno un valido upgrade per chi utilizza sistemi con Opteron 6300 Series, grazie soprattutto alla compatibilità a livello di Socket.
amd-nuove-apu-berlin-per-server-efficienti-5.jpgPer quanto riguarda le CPU basate su architettura ARM, il chip maker propone “Seattle”, il primo processore a 64 bit che adotta una piattaforma a 8/16 core di tipo Cortex-A57. Il clock operativo, superiore ai 2 GHz, dovrebbe garantire prestazioni sino a quattro volte superiori agli Opteron X-Series. Trattandosi di una soluzione per sistemi ad alta densità, AMD ha strutturato le CPU per garantire un elevato rapporto performance-per-Watt e ha integrato la tecnologia di interconnessione Freedom Fabric specificamente sviluppata per questi contesti.

[tit:”Berlin”, CPU e APU per server]Parlando di strategie e dell’approccio AMD al mercato server, abbiamo potuto verificare le prospettive del chip maker, parlando direttamente con Margaret Lewis, Director, Server Software Planning AMD.
amd-nuove-apu-berlin-per-server-efficienti-1.jpgPer soddisfare le esigenze di un mondo in rapido cambiamento, secondo ritmi sempre più elevati, AMD propone inoltre l’innovativa piattaforma “Berlin” e nuovi dispositivi che saranno disponibili entro la prima metà del 2014 per la fascia di prodotti Web/Enterprise Services Clusters.
Le CPU/APU andranno ad arricchire la fascia attualmente occupata dagli Opteron 3300 e dagli Opteron X-Series. L’obiettivo è quello di introdurre piattaforme efficienti, scalabili e capaci di adattarsi alle esigenze di ogni tipo di business. Tra gli ambienti dove simili richieste sono particolarmente apprezzate, il segmento Enterprise IT, per l’hosted desktop e i big data framework, oppure il settore multimediale, per il video transcoding e l’online gaming. Anche gli ambienti di calcolo, dove vengono effettuate continue operazioni su una moltitudine di dati tecnici possono giovare del nuovo approccio AMD.
amd-nuove-apu-berlin-per-server-efficienti-3.jpgL’evoluzione dei processori Opteron X-Series, come l’APU X2150, continuerà nel 2014 con l’introduzione dell’architettura “Berlin”, una nuova generazione che, per prima, vanterà l’adozione della piattaforma per il calcolo eterogeneo HSA. Tale infrastruttura permette l’accesso alla memoria di sistema da parte della CPU e della GPU integrati nel chip, incrementando sensibilmente le prestazioni e l’efficienza in base ai contesti di calcolo.
In quest’ottica, AMD sta elaborando da tempo appositi tool di sviluppo, appoggiandosi a partner e specialisti come Oracle e SUSE, per facilitare la programmazione in ambienti OpenMP, OpenACC, Fortran, C, C++, OpenCL e Java. In questo modo, le librerie e i codici delle applicazioni potranno essere generati per poter trarre massimo vantaggio dall’approccio AMD HSA. La prospettiva del produttore è quella di reinventare l’approccio al mondo dei server, per vincere le sfide più complesse, tipiche degli scenari del mondo moderno.
amd-nuove-apu-berlin-per-server-efficienti-4.jpgPer fare questo, tra i prodotti propone proprio una serie di APU, riproponendo il vincente paradigma di CPU+GPU, con supporto dedicato e funzionalità dedicate per ogni carico di lavoro.
AMD crede fortemente in questo approccio ed è per questo che è tra le prime 20 società che contribuiscono a progetti Linux, è Gold Member della Linux Foundation e membro di Xen Advisory Board, di Linaro, della Apache Software Foundation ed è partner Red Hat, SUSE e Ubuntu.
In definitiva, AMD proporrà l’architettura “Berlin” con una base computazionale x86, sia in variante CPU, sia APU. Saranno disponibili quattro core “Streamroller”, con particolare attenzione per i rapporti di potenza e consumo. Nel dettaglio di prevede un incremento di ben otto volte in termini di gigaflop-per-Watt, rispetto agli ettuali Opteron 6386 SE.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social