Evolution parla la lingua del Cloud

Pubblicato il: 12/03/2014
Autore: Barbara Torresani

Saimor Schiavon, product manager e spokesperson di Evolution inquadra le principali dinamiche del software gestionale e illustra le novità dell’offerta Evolution.

Evolution è nata nel 1994 con l’unico obiettivo: produrre un software gestionale per ambiente completo ma allo stesso tempo facile, intuitivo con un'interfaccia innovativa e con un prezzo e una proposta di vendita – denominata Try & Buy - che potessero essere unici nel loro genere.
La software house oggi vanta un vasto parco clienti nei settori più svariati e opera sul mercato con un’estesa rete di vendita. Tra i punti di forza dell’offerta le qualità innovative del software, l’interfaccia amichevole e intuitiva, la vendita del software completo - e non a moduli - a un costo contenuto.
Dal settembre 1999 è attiva la nuova società Evolution, che continua a portare avanti il successo dell'omonimo software gestionale aziendale, oggi giunto alla versione 4. Compatibile con i sistemi operativi Windows, Mac e Linux, il software consente di seguire tutta la contabilità interna con un clic, grazie a funzioni come la generazione di scritture automatiche, il riepilogo di scadenze e l’adeguamento automatico alle normative fiscali. Aggregabili grazie al motore database Firebird, i dati possono essere rimaneggiati ed estrapolati per creare report personalizzati.
Evolution può essere anche uno strumento di marketing in quanto permette la creazione di un punto vendita online e la sua completa gestione logistica, dal controllo del magazzino, alla creazione di cataloghi virtuali.
Saimor Schiavon, Product Manager e spokesperson di Evolution inquadra le principali dinamiche del software gestionale e illustra le novità dell’offerta Evolution.
schiavon-evolution.jpg
“Oggi nel mercato del sotware gestionale le richieste più pressanti da parte delle PMI sono sicuramente sulla mobilità e il cloud computing. Infatti le aziende sono sempre più a caccia di innovazione e flessibilità per avere ogni informazione disponibile in tempo reale e da qualunque device. C'é quindi grande richiesta di mobilità e di app specifiche per dialogare direttamente, o in modalità offline con il database aziendale, per avere un prezzo, una disponibilità, formulare un preventivo o solo per vedere l'andamento aziendale. Molto appetibili sembrano essere delle app da distribuire ai propri agenti per la raccolta ordini oppure da regalare o rivendere ai propri clienti per la preparazione e l'invio degli ordini. Le aziende desiderano che il flusso dei dati sia disponibile e fruibile da tutti i reparti dell'azienda (amministrazione, ufficio vendite, magazzino/magazzini) per favorire un continuo coordinamento dei processi decisionali ma anche per far sì che le informazioni vengano filtrate in funzione dell'operatore posto al terminale”.
In quest'ottica Evolution ha sviluppato una funzione di 'autorizzazione di accesso' che permette dal solo nodo server di impostare livelli di accesso a seconda della postazione client e naturalmente è stata inibita la possibilità di effettuare backup dati da postazioni periferiche per evitare furti di informazioni riservate.
“Altra esigenza molto sentita dalle aziende è quella di poter far lavorare su una stessa base dati sedi lontane fra loro oppure di rendere disponibili i dati ad operatori che utilizzano terminali mobili, sia che si tratti di smartphone, tablet o notebook”, precisa Schiavon.

L’offerta Evolution e gli sviluppi futuri
Come spiega Schiavon, in termini di evoluzione dell’offerta Evolution già si presta all'installazione su cloud, sia in versione mono-utenza che in rete e multiaziendale (gestione di più aziende in una stessa rete aziendale).
"La nostra clientela è soddisfatta del cloud computing in quanto gli permette di abbattere i costi legati all'infrastruttura informatica e rende fruibile in tempo reale il programma da qualunque device". E la politica di disaster recovery della software house si basa su cloud, nello specifico Google Drive e TrendMicro Safe Sync. “Tra le idee di sviluppo c'è quella di proporre una app, esclusivamente per il mondo mobile, dedicata alla raccolta ordini effettuata dagli agenti”, puntalizza il peoduct manager di Evolution. 

Attenti alle esigenze dei clienti
Quali sono le tipologie di aziende e i settori verticali più ricettivi all’adozione di un software gestionale di nuova generazione? “Non riscontriamo tipologie di aziende o settori più ricettivi di altri bensì siamo di fronte ad aziende, tra cui Pmi e microimprese, che chiedono un software più adatto alle loro esigenze e al loro modo di pensare il business - sottolinea Schiavon -. Ogni giorno ascoltiamo le richieste della nostra clientela, che spazia dalla piccola impresa fino alla grande azienda, e le richieste spesso non differiscono molto l'una dall'altra. Un esempio può essere la richiesta di poter lavorare su uno stesso programma e dati da sedi lontane fra loro, esigenza sentita sia dalle aziende che hanno uffici e/o magazzini delocalizzati ma anche da chi banalmente desidera lavorare in ufficio e poi a casa, la soluzione più semplice è il cloud computing”. E continua: “Naturalmente il cloud computing all'inizio sembra un concetto oscuro, tuttavia spiegando i vantaggi della soluzione proposta che si avvale di normali strumenti tecnologici, quali un semplice Pc, Mac o tablet e una connessione Internet, accende subito l'entusiasmo del cliente che lo prova immediatamente rimanendo soddisfatto”.
evolution-videate.jpg
Ma come procede il processo di adozione o di rinnovo del parco di software gestionale installato? “Le aziende hanno cominciato a sostituire i vecchi programmi che gestiscono un solo aspetto dell'azienda (magazzino o contabilità o vendite), con sistemi gestionaliche integrano in modo sinergico tutti i processi aziendali fino all'e-commerce. La nostra clientela cerca uno strumento che gli permetta di gestire la propria azienda in maniera completa”, afferma Schiavon.

Dalla parte del canale
Il software gestionale come può diventare elemento per fare new business e come può creare valore aggiunto per gli operatori di canale? “Sicuramente puntando sull'e-commerce il gestionale crea new business per l'azienda che lo adotta. Il valore aggiunto per gli operatori di canale sta nella consulenza fornita per l'adozione di nuove tecnologie e per la formazione del cliente all'uso di queste”.
Per facilitare l’attività del canale nel proporre il software gestionale di ultima generazione alle aziende Evolution punta su giornate dedicate agli operatori del settore informatico per dare delle informazioni di base o fare mini-corsi sul prodotto.
“Naturalmente forniamo delle brochure in cui sono spiegate le peculiarità del prodotto, ma il rapporto diretto che permette questi incontri produce generalmente molta più chiarezza e soddisfazione in chi deve conoscere la nostra offerta per poi proporre il prodotto al proprio cliente”, conclude Schiavon.

Categorie: PMI

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota