Omnipage, per un mondo senza carta

Pubblicato il: 15/12/2014
Autore: Ernesto Sagramoso

Nuance ha presentato la versione 19 di Omnipage, uno degli OCR più conosciuti e apprezzati al mondo. Definita anche la strategia per le Pmi e il mercato enterprise.

Dopo un una lunga attesa la software house americana Nuance ha ufficializzato la nuova versione di Omnipage. Questa release, dotata di un’interfaccia utente ancora più semplice, è in grado di gestire efficientemente le immagini catturate con i nuovi dispositivi mobile e di lavorare con i formati PDF/A richiesti dalle direttive standard per l’archiviazione a lungo termine.
Interessante anche la possibilità di nascondere i dati sensibili, l’integrazione con il cloud (DropBox, SkyDrive e altri portali) e con le più importanti applicazioni di Microsoft (per esempio Word ed Excel).
Così come è molto comoda l’opzione che consente di esportare un documento in un file audio mp3 o di convertirlo nei formati per gli eBook reader più diffusi.
Nuance ha inoltre annunciato una collaborazione con Atiz (www.atiz.com), azienda specializzata nella produzione di scanner per la digitalizzazione di libri anche rari. Tra i modelli più interessanti segnaliamo BookDrive (disponibile in versione Pro e Mini) che cattura le immagini tramite reflex Canon personalizzate. L’accordo prevede la vendita di Omnipage in bundle con i prodotti Atiz, prodotti distribuiti in Italia da Pagenet (www.pagenet.it).
moriggi-nuance.jpgPer quanto riguarda il canale distributivo, Giulio Moriggi, Sales Manager Italia della Desktop Solution Group di Nuance, ha ricordato che “I prodotti enterprise, ovvero le multilicenze aziendali vengono canalizzati attraverso la distribuzione e i rivenditori. Collaboriamo attivamente con i principali corporate resellers (Insight, Comparex, Softwareone), i cataloghi per il mercato delle Pmi  Systemax, Bechtle e altri rivenditori indipendenti. I prodotti consumer vengono rivenduti parzialmente nel retail, maggiormente nell’etail (amazon, eprice) e direttamente dallo shop sito Nuance. I nostri distributori italiani sono Computer Gross Ingram Micro e Questar”.
Riferendosi poi ai rivenditori, Moriggi ha sottolineato che “per ora non abbiamo in Italia reali programmi di certificazione in base al fatturato o alle competenze. Escludendo i rivenditori corporate ricorrenti, per quelli indipendenti il fatturato risulta piuttosto frammentato, mentre in relazione alle competenze la sostanziale semplicità dei prodotti non richiede particolari skill o risorse tecniche per un rivenditore. Con l’inizio del prossimo anno verrà implementato un programma di deal registration per rivenditori che consentirà di avere margine addizionale per coloro che segnaleranno le trattative su un apposito portale”.
Parlando della struttura organizzativa della corporation, Giulio Moriggi ha dichiarato che “una prima distinzione è fra le divisioni Imaging e quelle Speech. Nell’Imaging i prodotti consistono in: soluzioni di produttività personale (Power Pdf, Omnipage e Paperport) e nelle corrispondenti versioni enterprise per Pmi - grandi aziende – soluzioni di workflow documentale (ecopy, safecom, scanflow) – soluzioni di print management (equitrac). Nella divisione Speech vi sono tutte le soluzioni di riconoscimento e sintesi vocale applicate a dispositivi mobile, call center, healthcare, automotive e biometria".

Categorie: PMI

Tag: Software

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota