Symantec Norton Report 2013, le minacce del Web e le cattive abitudini degli utenti

Pubblicato il: 28/10/2013
Autore: Daniele Preda

Symantec pubblica i dati del Norton Report 2013 ed evidenzia i trend di sviluppo delle minacce Web, mostrando le abitudini, spesso sbagliate, degli utenti.

Symantec ha pubblicato i risultati del proprio Norton Report 2013, uno studio che rivela lo sviluppo delle azioni criminali sul Web e analizza le abitudini d’uso degli utenti, oltre a presentare un quadro dettagliato degli attacchi e delle minacce a livello italiano e globale. 
Per la presentazione è intervenuto il team Norton: Marco Riboli, Vice President Symantec Mature Euro Countries, Ida Setti, Head of sales Norton/sb Italy, Silvia Signorelli, Norton Marketing Manager Symantec Italia e Antonio Forzieri, Esperto di sicurezza Symantec.
norton-report-2013-symantec-analizza-le-minacce-on-2.jpg
L’evento ha rappresentato un momento di confronto rispetto alla realtà del nostro Paese e ai trend degli ultimi mesi. La prima notazione riguarda la larga diffusione dei device mobile, ormai integrati in modo pervasivo nella vita di tutti i giorni, a livello personale e professionale. Di fatto, il 49% degli utenti usa il proprio dispositivo mobile personale sia per lavoro sia nel tempo libero, spesso senza proteggerlo in alcun modo. Questo espone i dati contenuti a possibili furti o manomissione e rende particolarmente critica la sicurezza del device. In questo modo c’è una forte probabilità di contrarre virus, oggi sempre più complessi e pericolosi, o di cadere nella rete della criminalità online che sfrutta strumenti come i ransomware e lo spear-phishing.
Il Norton Report evidenzia un dato decisamente preoccupante, che riguarda il numero di vittime di crimini informatici. Sebbene la quota si sia ridotta nel breve periodo, ogni attacco costa all’utente il 50% in più rispetto al passato. In generale gli utenti di tablet e smartphone non hanno ancora maturato la consapevolezza che la protezione dei dati sui dispositivi mobili è molto importante. Se infatti è opinione diffusa che un antivirus o una suite per la sicurezza sia necessaria sui “classici” sistemi notebook e desktop, non è così per il mondo mobile. Il 48% degli utenti che posseggono tablet o terminali di ultima generazione non ha preso in considerazione la possibilità di applicare precauzioni per mettere in sicurezza il dispositivo e i dati memorizzati. 
Symantec, come molte altre società che si occupano di sicurezza, non solo produce e commercializza soluzioni dedicate, ma è particolarmente attenta al costante mutamento degli scenari e ai pericoli che arrivano da Internet. Il report periodico è dunque uno strumento indispensabile per sensibilizzare gli utenti e far conoscere gli effettivi rischi che si celano dietro applicazioni o pagine Web apparentemente innocue. 

Categorie: Vendor

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota