Nell’HPE Innovation Lab di Infonet Solutions si vive l’innovazione

Pubblicato il: 03/05/2017
Autore: Barbara Torresani

La tecnologia innovativa di HPE da toccare e provare sul territorio vicino agli utenti finali. Dario e Massimo Tecchio, Soci di Infonet Solutions, inaugurano l’HPE Innovation Lab nella sede di Padova con Paolo Delgrosso, HPE Channel Service Provider, Smb Sales Director e Rosalba Agnello, HPE Country Sales Manager del mercato privato. La testimonianza di valore di Schuco International Italia

L’innovazione passa da Padova a casa di Infonet Solutions, che lo scorso 12 aprile ha inaugurato il proprio HPE Innovation Lab alla presenza del management, di Hewlett Packard Enteprise Italia e di un cliente di prestigio come Schuco International Italia.
Il progetto HPE Innovation Lab rappresenta una delle attività strategiche sviluppate da HPE nel corso del 2017 con alcuni top partner che hanno deciso di investire sulle tecnologie più innovative del vendor portandole sul territorio vicino agli utenti. Una formula collaborativa, aperta e partecipativa volta ad accrescere il valore dell’innovazione tecnologica in un circolo virtuoso che porta la tecnologia a km 0 vicino alle aziende utenti aderendo alle loro necessità. Ad oggi tocca nove regioni italiane in 15 sedi di partner a valore - uno di questi è appunto Infonet Solutions, Gold partner di HPE - e dei quattro distributori.

Infonet Solutions: l’innovazione nel Dna

Infonet Solutions è un’azienda che ha nel proprio Dna l’innovazione, incisa anche nel pay off aziendale ‘Business Innovation’: fondata nel 1990 da Dario, Massimo e Roberto Tecchio, si pone sul mercato come partner di primo piano per la progettazione, lo sviluppo e la gestione di infrastrutture IT avanzate attraverso un approccio strategico, che passa dalla customizzazione spinta nella progettazione e da una standardizzazione delle procedure operative con l’obiettivo di far crescere l’efficienza, la competitività, il valore dell’azienda utente. Oltre 20 anni di ricerca e sviluppo continui che oggi portano il system integrator a superare i confini nazionali per arrivare fino in Nuova Zelanda ad Aukland: “L’Infrastruttura tecnologica ad alto valore è la nostra specializzazione. Due anni fa abbiamo abbracciato la sfida postaci da un cliente di erogare un servizio proattivo 24x7x365 di control room dell’infrastruttura con tecnologia HPE e Citrix - e non solo - dalla Nuova Zelanda. Dopo due anni di lavori, lo scorso 1 aprile 2017 è stata aperta Infonet Solutions New Zeland attraverso cui vogliamo offrire una copertura ‘follow the sun’ ai nostri clienti in lingua italiana (e inglese) con personale altamente competente. In generale, poniamo costante attenzione nella ricerca dell’esperienza utente in modo da garantire a tutti i clienti delle nostre tecnologie un’esperienza in grado di migliorare il lavoro continuo all’interno della loro organizzazione”, spiega Massimo Tecchio, Socio e Strategic Account Manager, Infonet Solutions. 
innolab1.jpgUn disegno in cui l’innovazione risulta elemento centrale: “E’ la chiave per fare breccia nei clienti: riuscire a far le cose che gli altri non fanno o fanno in modo diverso con la volontà di arrivare prima degli altri facendo leva su tecnologie innovative”, enfatizza Massimo Tecchio.
Da qui la partnership con HPE: Infonet è un partner di HPE dal 1997, quest’anno festeggiamo 20 anni di relazione. Siamo cresciuti insieme; per noi è stato un percorso di successo congiunto che si è ulteriormente rafforzato negli ultimi anni: basti dire che solo cinque anni fa avevamo metà del personale e metà del fatturato. In quest’ultimo quinquennio abbiamo raddoppiato queste voci e sicuramente HPE l’ha fatta da padrona, mettendoci a disposizione l’intero portafoglio di tecnologie dall’alta carica innovativa a partire dai server, passando dallo storage al backup fino al networking. E intorno a queste tecnologie Infonet Solutions ha costruito le proprie soluzioni combinando la tecnologia HPE anche con quella di altri partner tecnologici di HPE”, afferma Dario Tecchio, Socio e Sales Marketing Director, Infonet Solutions.
In un quadro così delineato HPE Innovation Lab non può che essere l’evoluzione naturale di questo percorso di partnership.

Un laboratorio da vivere ‘intensamente'

HPE Innovation Lab è visto da Infonet Solutions come un laboratorio aperto ai clienti nel quali si possono vedere e toccare le soluzioni realizzate e sviluppare quelle future: “Per noi è una grande opportunità; oggi nessun cliente prende a scatola chiusa nulla, tutti vogliono vedere le soluzioni. Il fatto di poterle avere a disposizione qui sul territorio e renderle disponibili ai partner come fa HPE non è un fatto così scontato" – afferma Dario Tecchio -. Una formula fortemente interattiva per cui i clienti non ricevono solo presentazioni e descrizioni delle tecnologie ma possono vederle e provarle a fianco di Infonet, per capire e valutare appieno e al meglio il valore delle soluzioni”.
tavolarotonda.jpgPaolo Delgrosso, Channel Service Provider, Smb Sales Director, descrive l’iniziativa
: Il progetto nasce da un’esigenza congiunta di clienti e partner: la volontà di portare i laboratori vicino all’utente finale, quindi a km 0 nelle strutture dei partner. Un modo moderno per coniugare le tecnologie HPE con l’esperienza, le competenze e le soluzioni del partner sviluppate sulle nostre tecnologie e su quelle dei vendor alleati con l’obiettivo di portare l’innovazione sul mercato creando soluzioni ad hoc per i clienti”.
Il progetto si declina in due modalità principali: Workshop, un momento di incontro tra clienti su tematiche specifiche, in modo da condividere esperienze fatte con le tecnologie HPE di clienti e altri partner tecnologici per soddisfare necessità future; Lab, un momento studiato e dedicato appositamente ai singoli clienti per rispondere a istanze tecnologiche puntuali attraverso una tecnologia che può essere testata e toccata con mano.
I partner, come detto, sono al centro di questo progetto strategico per HPE, sono il fulcro di tutto: “Senza di loro non sarebbe stato possibile avere 15 laboratori in nove regioni italiane, vicini all’utente finale. Sono partner che hanno investito molto sulle competenze e hanno tutte le certifiche necessarie per spiegare in profondità e al meglio le nostre tecnologie ai clienti. La competenza messa in campo da loro negli Innovation Lab è veramente l’elemento differenziante per capire a fondo le esigenze di business degli utenti finali”, sostiene Paolo Delgrosso.

Tecnologia a misura di utente

“Essere un Innovation Lab significa vivere la tecnologia non solo raccontarla, cercando di capire il caso di utilizzo che la novità tecnologica abilita e applicarlo alle realtà aziendali di ciascun clienti”, rimarca Dario Tecchio, nel raccontare le tecnologie ospitate nel laboratorio dove scoprire i nuovi orizzonti della Digital Transformation, quali Data Center Hybrid Cloud e Mobility.
apertura.jpgQuattro i filoni tecnologici principali
coperti dall’Innovation Lab di Infonet Solutions: Business Continuity e Disaster Recovery: da server e storage tradizionali a sistemi convergenti e iperconvergenti per consolidare e portare le aziende nel Software Defined Datacenter fino alla tecnologia SimpliVity appena acquisita da HPE; Backup&Restore e gestione del dato, proponendo per esempio bundle commerciali tra HPE e Commvault; virtualizzazione, abilitata in collaborazione con Citrix – dal tradizionale (blade storage per realizzare scenari VDI) ma anche tecnologie come Moonshot ed Edgeline (quest’ultima in arrivo a breve per cui infonet Solutions è il primo partner a presentarla in Italia e il terzo nel mondo) per rendere più competitivo il costo postazione di ambienti virtuali; Networking, con focalizzazione sulle tecnologie portate in dote da Aruba Networks che abilitano scenari wi-fi, IoT e di geolocalizzazione, solo per citarne alcuni.

La digitalizzazione delle Pmi chiede prossimità ed ecosistema

Un progetto adatto a tutte le aziende, particolarmente calzante per le Pmi, cuore pulsante del nostro Paese, alle prese con processi di modernizzazione e digitalizzazione delle proprie infrastrutture: “In questi due anni di esperienza nel mio ruolo ho rilevato che le richieste dei clienti sono sia relative a temi di IT tradizionale di trasformazione del data center in tutte le sue componenti – computazionale, storage, rete – sia a un’IT più moderna più interrelata con il business: manufacturing 4.0, IoT, gestione evoluta dei dati, sicurezza sempre più ‘mandatoria’Temi caldi relativi alle aziende indipendentemente dalla dimensione che HPE indirizza sia fornendo un percorso di crescita e di formazione ai partner sulle tematiche tradizionali con certificazioni standard e più orientate alla Digital Transformation, sia cercando di costruire un ecosistema in cui accanto ai partner certificati presenti sul territorio come Infonet Solutions, si pongono altri attori della filiera con soluzioni verticali aderenti alle specifiche necessità del cliente, ma anche il mondo universitario e le associazioni industriali locali per condividere direttive ed esperienze”, dichiara Rosalba Agnello, HPE Country Sales Manager del mercato privato. Un processo virtuoso in grado di abilitare scenari innovativi di business sul territorio nelle aziende italiane al fine di renderle più competitive.
clienti.jpg


Schuco International Italia, un precursore nell’innovazione tecnologica

A chiudere il cerchio la testimonianza del cliente Schuco International Italia, un precursore in campo tecnologico, che lavora con Infonet Solutions da circa 20 anni: L’innovazione per Schuco è sempre stato un elemento fondamentale, non solo per quel che riguarda la tecnologia dei prodotti ma soprattutto per i servizi. Stiamo focalizzandoci e investendo molto sui processi produttivi e di progettazione per sviluppare sistemi in grado di ridurre i tempi e migliorare l’efficienza dei processi al fine di essere il migliore partner per il nostro network di progettisti e serramentisti. Una parte rilevante di questi investimenti è rivolta alle tecnologie hardware IT innovative, grazie a partnership di alto livello che stiamo coltivando in quanto questo tipo di innovazione può fare la differenza in un’azienda come la nostra”, spiega Roberto Brovazzo, Direttore Generale, Schüco International Italia.
schuco.jpg
Giovanni Pigato, Sales Manager, Infonet Solutions, racconta: Già nel 2008 Schuco Internationa Italia ha avviato un progetto di Business Continuity on campus, allora una chimera, passando da storage Fiber Channel con server stand alone - tutto su tecnologia HPE - e switch gigabit a uno storage Iscsi su rete a 10 Gb completamente ridondata, un’infrastruttura distribuita su due data center in grado di dare maggior continuità, scalabilità e ottimizzazione dello spazio tuttora alla base dei servizi di business. Un sistema abilitante per prevenire le richieste e per distinguersi dalla concorrenza, chiave del successo aziendale”.
Interviene anche Giovanni Aduso, ICT & Facility Manager, Schuco International Italia: Per noi un partner tecnologico come Infonet Solutions è fondamentale; abbiamo in essere una partnership ventennale, siamo cresciuti insieme facendo passi da giganti. Schuco adotta un approccio progettuale e metodologico sviluppato in collaborazione con Infonet Solutions che le ha consentito di impostare con lungimiranza i progetti sulla base dei requirement contingenti. Gli investimenti fatti anche sull’infrastruttura HPE hanno permesso di avere ancora oggi margini di sviluppo per portare avanti progetti anche molto impegnativi in ambiti quali la domotica e il multimediale, così come nel Crm evoluto. Dal 2008 ad oggi abbiamo introdotto nuove tecnologie e sistemi automatizzati, che potrebbero essere inseriti in rete in un sistema multimediale in grado di governare alcuni processi e in questo contesto i 10 Gb risultano fondamentali. Avendo una rete così performante, inoltre, gli scenari futuri indirizzati da Schuco potrebbero traguardare il Software Defined Data Center, facendo leva su tecnologie HPE ipercovergenti e Simplivity per creare un data center ancora più basato sulla rete”.
Un’IT quindi che diventa elemento fortemente competitivo al servizio del business e vicino ai clienti grazie alla prossimità garantita dai partner, rimarca Paolo Delgrosso. “E’ nella triangolazione perfetta tra fornitore-partner-cliente che si esprime al meglio il valore dell’innovazione in una partnership che diventa win-win-win per tutti gli aderenti”, conclude Massimo Tecchio.

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota