Sophos: cloud e mobile per una sicurezza end-to-end

Pubblicato il: 23/05/2014
Autore: Piero Macrì

L'obiettivo del vendor è la piena integrazione tra le componenti di network security, end point protection e server protection.

(LONDRAKris Hagerman, Ceo di Sophos, è profondamente convinto che la sua azienda stia radicalmente cambiando le regole del gioco nel mercato della sicurezza, andando a interpretare in modo del tutto innovativo le esigenze dei clienti. “Il nostro focus e, insieme, obiettivo di business – afferma il CEO, in occasione del Partner Connection 2014 di Londra - è sempre stato l’integrazione: riuscire a mettere nelle mani dei clienti tecnologia in grado di semplificare la complessità dando loro risposte esaustive”. 
dsc-1109.jpg
Un obiettivo, quello indicato da Hagerman, perseguito coerentemente negli anni attraverso la messa a punto di un’offerta di security end-to-end
 che vede oggi un ulteriore avanzamento nella formulazione del progetto Galileo, che unifica definitivamente la gestione delle tre diverse componenti: di infrastruttura di neworking, di end user computing e di server fisico e virtuale.
Contestualmente si vanno estendendo le modalità di fruizione della tecnologia e delle soluzioni in logica as a service con un‘offerta cloud. “I clienti – dice Hagerman - sono nella condizione di potere scegliere la modalità di fruizione a loro più congeniale e coerente alle esigenze di business. Crediamo che il cloud possa essere una risposta allineata a molte delle aspettative delle piccole e medie aziende. La nostra offerta as a service, lanciata nel corso del 2013, ha già riscontrato un significativo interesse da parte di molti clienti e stimiamoche nel giro di due anni si possa raggiungere un volume di ricavi pari a circa un quarto del nostro business complessivo”.
Il cloud è una leva strategica per estendere il business della sicurezza. Molte delle piccole e medie aziende non hanno la tecnologia corretta o sufficiente per rispondere alle attuali minacce e per gestire in sicurezza dati e risorse applicative, aggiunge Hagerman. La nuova proposizione di delivery crea le condizioni ideali per avvalersi di quanto necessario attraverso una logica on demand a consumo pienamente conforme alla necessità di gestione dei costi e di efficienza che viene sollevata dalle PMI. E nelle aziende dove la dimensione diventa più estesa, e la tecnologia diversificata e più complessa – osserva il Ceo - esistono i presupposti per creare ambienti ibridi di sicurezza attraverso un’integrazione di servizi off e on premises”.

Categorie: Vendor

Tag: Sicurezza

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota