Tassa per gli smartphone, la SIAE insiste

Pubblicato il: 06/03/2014
Redazione ChannelCity

Siae e Confindustria Cultura insistono sul balzello per gli smartphone mentre le Associazioni dei consumatori insorgono.

Siae e Confindustria Cultura hanno proposto al ministro Dario Franceschini una tassa sugli smartphone. Secondo la SIAE la motivazione è che siccome tutti coloro i quali acquistano determinati strumenti tecnologici, come smartphone, tablet e persino le chiavette Usb, utilizzandoli prima o poi compirà una violazione del diritto d'autore, scaricando illegalmente musica o video
La cifra pagata al momento dell'acquisto rappresenterebbe dunque un compenso forfettario di tale “violazione” che andrebbe alla SIAE, la quale, a sua volta, lo distribuirebbe in un secondo tempo alle associazioni competenti.
La proposta è tuttavia stata criticata da Confindustria digitale: l’ente ha infatti spiegato che in questo modo la Siae incasserebbe tra i 175 e i 200 milioni contro i 72 del 2012. 
Se da una parte dieci associazioni che riscuotono il compenso per la copia privata hanno lanciato una petizione che raccoglie 500 firme di artisti famosi per chiedere a Franceschini di procedere con urgenza alla firma del decreto, per contro, Altroconsumo ha promosso una contro-petizione di oltre 14 mila firme per tenere conto dei risultati di un'indagine sull'effettiva fruizione dei contenuti digitali da parte dei consumatori ed evitare di pagare “un’odiosa doppia tassa”.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Attualità

Area Social