Fujitsu, confermata l'uscita dall'Italia

Pubblicato il: 10/04/2019
Redazione ChannelCity

Di fatto Fujitsu ha declassato il nostro Paese, insieme a Repubblica Ceca e Grecia, nazioni che secondo le previsioni del top management giapponese vengono annoverate tra i mercati a basso potenziale di crescita.

A poco più di un mese dall'annuncio dell'abbandono del mercato italiano da parte di Fujitsu Technology Solution, la decisione è stata ulteriormente ribadita, senza pensare al destino degli oltre 190 dipendenti italiani presenti nella sede milanese di via Spadolini, così come quelli che operano dalla sede romana.
Dunque non sono bastati gli interventi del sindacato, la mobilitazione dei lavoratori: di fatto Fujitsu ha declassato il nostro Paese, insieme a Repubblica Ceca e Grecia, paesi che secondo le previsioni del top management giapponese vengono annoverati tra i mercati a basso potenziale di crescita, da abbandonare per perseguire gli obiettivi finanziari targati 2022 ovvero raggiungere a livello globale un margine operativo pari al 10% entro il 2022 con un giro d’affari pari a 3.150 miliardi di yen, di cui 2.150 realizzati in Giappone e i restanti 1.000 nel resto del mondo. Rispetto a un mese fa Fujitsu è tornata sui suoi passi per quanto riguarda l'area del sud Europa annunciando che rimarrà in Spagna.
fujitsu presidio lavoratori centro colleoni

In questo contesto, oltre ai dipendenti, ne risente l'intera filiale del Canale ICT ma anche le migliaia di aziende che in questi anni hanno e continuano a utilizzare prodotti a marchio Fujitsu.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Area Social