Tsunami Giappone, Google Person Finder per aiutare i dispersi

Google ha messo online Person Finder, un servizio per facilitare la ricerca delle parecchie persone disperse causa terremoto. Numerosi messaggi anche su Twitter.

Tecnologie & Trend
Google ha deciso di mobilitarsi per cercare di soccorrere le persone che in questi precisi istanti sono ancora disperse sul suolo giapponese in seguito al grave terremoto e conseguente tsunami che ha colpito il paese del sol levante nelle ultime ore.
E' per fare una csa concreta ha subito messo online Person Finder, una sorta di servizio di localizzazione per le persone che sono rimaste disperse in occasione del violento terremoto e conseguente tsunami che ha colpito il Giappone.
Person Finder era già stato usato anche in passato, in occasione delle catastrofi naturali che tempo fa colpirono i paesi del Cile, Haiti e la Nuova Zelanda.
Il servizio messo in piedi da Mountan View permette la ricerca di persone, famigliari o conoscenti, che risultano ancora dispersi in seguito alla catastrofe. Una volta arrivati sul sito web, in lingua inglese o giapponese, basterà immettere le generalità della persona scomparsa e il servizio fornirà un elenco di messaggi che potranno essere molto utili nella ricerca della persona scomparsa. Al momento i messaggi contenuti nella bacheca hanno già oltrepassato quota 20mila.
tsunami-1.jpgAnche l'attività sul social network Twitter in queste ore è molto intensa e frenetica. A causa della catastrofe le linee telefoniche sul suolo giapponese sono state interrotte, mentre rimangono in funzione quelle legate al web. In poche ore il sito di microblogging ha contato più di 1200 messaggi al minuto provenienti dalla zona di Tokyo.
Al momento si parla di centinaia le vittime, ma ovviamente in questa situazione di caos è impossibile fare dei bilanci precisi. Il governo giapponese ha inoltre dichiarato lo stato di "allerta nucleare", in quanto ci sarebbe la possibilità di pericolosi danni anche alle centrali atomiche presenti sul suolo del paese asiatico.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche