Adata SX1000L, gli SSD per server e data center

Pubblicato il: 02/04/2013
Daniele Preda

La serie Adata SX1000L comprende unità SSD da 100 e 200 GByte destinate al segmento enterprise e dotate di specifiche funzionalità per la protezione dei dati e per assicurare un’ampia durata nel tempo.

Adata Technology ha sviluppato nuove soluzioni per lo storage destinate al segmento server enterprise. I drive SSD SX1000L rappresentano la prima variante pensata da Adata per questo tipo di applicazioni e incorporano la tecnologia “static wear-leveling”, ideata per aumentare l’affidabilità dei dispositivi in ambienti critici.
adata-sx1000l-gli-ssd-per-server-e-data-center-1.jpgIl tempo medio tra possibili guasti (MTBF) di queste unità è infatti di 1,5 milioni di ore, un indicatore importante che sottolinea la stabilità di funzionamento prolungata.
Le attuali capacità disponibili per la famiglia SX1000L sono di 100 GByte e 200 GByte. Sul fronte delle performance le versioni SX1000L, realizzate nel formato standard 2,5”, incorporano controller dedicati e memorie NAND MLC, una piattaforma capace di raggiungere i 560 MB/s in lettura e i 340 MB/s in scrittura. Le operazioni di trasferimento IOPs si attestano invece a 73mila e 45mila, rispettivamente in lettura e scrittura in modalità 4K Random.
adata-sx1000l-gli-ssd-per-server-e-data-center-2.jpgNaturalmente, per questo tipo di drive, la sicurezza dei dati e la protezione delle informazioni sono di primaria importanza, rispetto alle pure performance. Proprio per questo Adata ha integrato specifici algoritmi di monitoraggio dell’unità SSD, sistema di prevenzione SMART e la possibilità di gestire l’over-provisioning per l’utente. Grazie a una capacità di scrittura particolarmente estesa nel tempo e a una garanzia dedicata di 5 anni, i dispositivi della serie SX1000L sono proposti da Adata per applicazioni critiche, per server web e per sistemi dedicati al Video on demand.

Categorie: Notizie

Tag:

Area Social