Le nuove e le future Cpu di Amd

Pubblicato il: 10/03/2008
Francesco Ferrari

Bitcity ha chiesto a Giuseppe Amato, Marketing Technical Director di AMD per l'Europa, di raccontare quale sarà la strategia Amd e quali saranno i prodotti che verranno resi disponibili al canale nei prossimi mesi.

C'è stata molta attività da parte di AMD in concomitanza con CeBIT visto che nella settimana "fieristica" ha lanciato la nuova piattaforma 780, ma anche quella Puma e i nuovi driver Catalyst 8.3.
le-nuove-e-le-future-cpu-di-amd-1.jpgBitcity, presente ad Hannover, ha chiesto a Giuseppe Amato, Marketing Technical Director di AMD per l'Europa, di descrivere al canale quale sarà la strategia Amd e quali saranno i prodotti che verranno resi disponibili nei prossimi mesi.
Di seguito le sue risposte che delineano interessanti scenari sia per quanto riguarda l'approccio strategico del vendor, sia per la segmentazione dei prodotti che verranno via via rilasciati nei prossimi mesi.
la-roadmap-di-amd-2.jpg
Questa è la roadmap nel breve termine per AMD.


Giuseppe Amato per prima cosa ha sottolineato che gli annunci confermano il paesaggio e la profonda trasformazione di AMD da società di vendita di componenti ad azienda che fornisce soluzioni per indirizzare precise categorie di utenti.
Con il 780, AMD intende, infatti, entrare nel segmento mainstream consumer, quello cioè con utenti interessati a avere una macchina predefinita, ma con le funzionalità evolute a un prezzo competitivo: in sostanza una macchina molto versatile.
Per la piattaforma Puma, invece, la proposta è differenziata con versioni commercial e consumer. Il processore noto con il nome in codice Griffin, è stato ottimizzato per contenere al massimo i consumi. Per esempio, se si sta utilizzano un programma che non usa il secondo core, questo può essere completamente spento, visto che core e northbridge del chipset possono essere alimentati in modo separato. Per i driver Catalyst, invece, la novità principale consiste nella possibilità di usare 4 GPU con Windows Vista, superando il limite di tre che caratterizzava la precedente versione.

[tit:Gli sviluppi futuri]

la-roadmap-di-amd-1.jpg

Nello stand AMD, inoltre, è stato possibile vedere le prime macchine con i nuovi processori a 45 nanometri per dektop e server (il nome in codice in questo caso è Shanghai). Il manager di AMD ha confermato che la società è pronta per entrare nella fase produttiva con questi componenti e che i tempi previsti sono la seconda metà dell'anno.
A giorni, ci sarà la presentazione della nuova piattaforma Hardcastle che AMD indirizzerà verso il segmento "commercial". Si tratta di una soluzione per le aziende che ha tra le sue caratteristiche la longevità e la gestione semplificata. Il mondo delle medie e piccole imprese, infatti, vuole componenti che restino stabili per un periodo piuttosto lungo al fine di ottimizzare gli investimenti. Tra le altre richieste c'è quella di garantire una bassa dissipazione, ma non tanto per risparmiare sulla corrente elettrica, visto che si parla di poche macchine per azienda, quando perché gli spazi sono ristretti e quindi diventano interessanti le unità con capacità di 3 litri. Un altro elemento è la manegeability, ma semplificata. Le piccole aziende non hanno spesso un responsabile specializzato, ma danno in outsourcing la gestione dell'IT. Non serve quindi un sistema con manegeability molto sofisticata, come per il segmento enterprise, ma qualcosa di funzionale e soprattuto economico.Maggiori informazioni a riguardo, ha precisato Amato, saranno rilasciate da AMD nei prossimi giorni.
Nell'immediato futuro, per il segmento dei processori, vedremo la presentazione di nuove versioni di CPU Phenom con nuove frequenze operative. Il periodo è aprile. Parallelamente arriveranno dagli OEM gli annunci di nuovi server con processori Barcelona (tra aprile e maggio) e il canale vedrà i system integrator proporre i nuovi modelli. Verso maggio sarò presentato Cartwheel, nome in codice della piattaforma che permetterà di usare il 780 in modo versatile per applicazioni multimediali e anche per i giochi grazie all'Hybrid Crossfire. Il passaggio successivo, ha spiegato Giuseppe Amato, sarà il lancio di nuove processori Phenom con frequenze diverse. Si tratta ovviamente, come le precedenti, di CPU con livello di revisione B3, modificata quindi rispetto ai primi Phenom.
Più avanti saranno disponibili i primi portatili basati sulla tecnologia Puma, visto che l'annuncio fatto da AMD a CeBIT è sulle funzionalità della piattaforma,e non sui prodotti la cui disponibilità, invece, è prevista più avanti nel tempo e cioè verso il mese di giugno.

Categorie: Notizie

Tag:

Area Social