Apple iPad, il Web frena l'entusiasmo

Pubblicato il: 04/02/2010
Andrea Sala

La presentazione c'è stata, l'entusiasmo anche. Ora iniziano a fioccare le prime stroncature per l'iPad di Apple, soprattutto dal popolo di internet.

Gli esperti di tecnologia e gli analisti sembrano essere d'accordo sul frenare l'entusiasmo che circonda l'iPad, ultimo nato in casa Apple. I vari commenti apparsi in questi giorni su parecchi Blog sono discordi e molti dichiarano che il tablet non è il dispositivo rivoluzionario che ci si aspettava.
I pareri, ovviamente, si dividono in due correnti di pensiero: c'è chi pensa che l'iPad cambierà il modo in cui impieghiamo il tempo libero e chi no. Quest'ultimi detrattori del dispositivo sono agguerriti ed argomentano le loro ragioni in maniera approfondita. Un'argomentazione che, onestamente, instilla qualche dubbio.
Innanzitutto, dicono, non si può giudicare qualcosa che avremo fra le mani solo tra due mesi. In più Apple iPad non ha una fotocamera,connessione Usb, non prevede il multitasking, non supporta Flash e non può essere usato come telefono.
Quest'ultimo punto è interessante: pur essendo dotato di connettività 3G – opzionale – non è uno smartphone "potenziato", o meglio, per effettuare chiamate si potranno utilizzare solo soluzioni Voip. Ma non è finita, c'è anche l'assenza del Gps sui modelli non 3G e la limitazione nella scelta della risoluzione video. A ben vedere c'è motivo per lamentarsi. Anche la tanto osannata qualità video risulta fine a sé stessa, visto che non ci sono porte Hdmi per connettere l'iPad a schermi di dimensioni superiori. 


        ipad-la-rete-frena-l-entusiasmo-2.jpg


Sul web l'umorismo si spreca. Jobs, in particolare, si è soffermato sul fatto che i netbook non fanno bene nessun compito. Ebbene, cosa si può fare meglio con l'iPad? Le funzionalità sono le stesse di un portatile o di uno smartphone di fascia alta. "L'iPad non sarà un fenomeno, né tra gli utilizzatori di netbook, né tra i power user", si legge sul sito Mashable. Il dispositivo "...non è quel dispositivo rivoluzionario che gli Apple-maniaci stavano aspettando. Non ribalterà le sorti dell'industria dei contenuti, non sarà un dispositivo di calcolo primario e non è nemmeno un iPhone migliorato". 
Da Michael Hiltzik del Los Angeles Times arriva una frase ad effetto: "È come un iPod troppo grande da portare in tasca ma è troppo piccolo per contenere tutta la propria collezione musicale". E continua: "Sembra un iPhone ingrandito – ma senza il telefono".
Altri opinionisti criticano il prezzo troppo alto per un dispositivo "pensato per una nicchia che nemmeno esiste". 


                             ipad-la-rete-frena-l-entusiasmo-3.jpg

Molte delle potenzialità inespresse dell'iPad, inotre, dipenderanno dalle applicazioni ad hoc che verranno prodotte nel prossimo futuro: come a dire che il successo del table dipenderà anche dagli sviluppatori.Riassume bene il sito americano TechCrunch: "iPad è un must? La dura verità è no. Contrariamente all'iPhone, che andava a soddisfare un bisogno già ben avviato come quello dei cellulari, non esiste una finalità precisa per l'iPad". O meglio, se si è già utenti iPhone o iPod Touch, il tablet migliora alcune caratteristiche tipiche dei due prodotti: le applicazioni e la navigazione sul web utilizzando le dita.


                               ipad-la-rete-frena-l-entusiasmo-1.jpg


A tutto questo si deve anche aggiungere che la lotta iPad/Kindle sembra pendere dalla parte di Amazon per un semplice motivo: per quanto riguarda gli e-book il Kindle risulta più confortevole nella lettura, grazie alla tecnologia e-ink che l'iPad non ha adottato. Certo, occorre tenere presente che l'iPad fa molto altro e le Apps per il Kindle non faranno la differenza, viste le limitazioni hardware dell'e-book reader. In Italia l'iPad arriverà ad aprile, in partnership con Telecom Italia, anche se non si conoscono dettagli sulle trattative e sul loro andamento. In ogni caso, occorrerà attendere ancora per capire come l'iPad si introdurrà nel mercato e – forse – nella vita delle persone.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social