Dell Studio XPS 16 per il business ma anche per il free time

Pubblicato il: 24/02/2009
Autore: Redazione ChannelCity

Una piattaforma mobile per il lavoro ma anche per l'intrattenimento, grazie all'ampio schermo Full HD e alla sezione video Radeon HD 3670, capace di garantire interessanti performance 3D.

Studio XP 16 è un PC portatile che non passa certamente inosservato, grazie al look aggressivo e alle finiture realizzate con cura. Lo chassis è compatto, con profili arrotondati e caratterizzato dall'utilizzo di materiali plastici lucidi, che hanno il solo difetto di sporcarsi facilmente, ma che conferiscono un estetica piacevole al nuovo notebook Dell. La cover è caratterizzata dalla fascia in alluminio che attraversa tutta la superficie e dall'inserto inferiore in pelle nera. Una volta aperta è possibile notare la tastiera, con pulsanti di dimensioni leggermente superiori rispetto allo standard e che consentono una facile digitazione.

dell-studio-xps-16-4.jpg

Per una migliore visione in caso di luce ridotta è stato predisposto uno speciale sistema di retroilluminazione dei tasti con la possibilità di scegliere due intensità differenti. Lo schermo è "incastonato" in un apposito pannello di plexiglas trasparente che si estende fino alle estremità dello chassis e ha funzione protettiva, oltre che estetica. Il touchpad è incorporato nella parte anteriore della base, esteticamente si presenta senza distinzioni per colorazione e trama, rispetto allo chassis, ma al tocco risulta più ruvido e offre un buona sensibilità. Poco sopra la tastiera infine, si trovano i pulsanti a sfioramento retroilluminati di bianco e che consentono l'attivazione/disattivazione del comparto wireless/Bluetooth, l'accesso alle funzioni di riproduzione file video, la regolazione del volume e l'espulsione del supporto inserito nel lettore.
[tit:Dotazione]Studio XPS 16 si caratterizza per l'adozione di una configurazione potente e bilanciata, sia per un uso professionale, sia per chi desidera usare il notebook come strumento di intrattenimento.

dell-studio-xps-1640-2.jpg
Il sistema di raffreddamento modulare prevede due heatpipe distinte, una per la GPU e l'MCH e una più piccola per la CPU Intel.
Il processore è infatti il potente Core 2 Duo T9400, caratterizzato da due nuclei indipendenti a 2,53 GHz, 6 MByte di cache di secondo livello e un FSB a 1.066 MHz.
Il chipset PM45 è tra i più recenti introdotti da Intel ed è in grado di gestire sino a 8 GByte di memoria SDRAM DDR3. In questo caso la configurazione approntata da Dell prevede ben 4 GByte di RAM, suddivisi su due banchi a 1.067 MHz di frequenza.

dell-studio-xps-16-2.jpg

Questo consente di avere una piattaforma reattiva e veloce nelle operazioni più comuni, ma anche nell'esecuzione di pesanti applicativi che richiedono accesso continuo alle risorse.
[tit:Configurazione]Il sistema sfrutta inoltre un veloce disco fisso da 500 GByte. Si tratta del Western Digital WD5000BEVT che fa parte della linea Scorpio Blue, dotato di interfaccia Serial Ata 2, caratterizzato da 8 MByte di buffer e un regime di rotazione di 5.400 rpm. L'unità ottica è invece di tipo Combo, capace di masterizzare DVD+R/RW e DVD-R/RW oltre ai comuni CD-R/RW, ma anche in grado di leggere media Blu-Ray.

dell-studio-xps-1640-1.jpg
La disposizione dei componenti è razionale e l'accesso a ogni sezione del notebook è possibile semplicemente rimuovendo la paratia inferiore.
La dotazione hardware comprende un adattatore Gbit per la comunicazione su LAN wired, un'interfaccia wireless Intel WiFi Link 5100, compatibile con tutti gli standard sino ad oggi disponibili (IEEE802.11 a/b/g/n). Tra gli altri, sono disponibili un adattatore Bluetooth, tre porte USB 2.0, una Firewire e una eSATA (manca invece il "classico" modem 56K).

dell-studio-xps-1640-3.jpg
In evidenza, da sinistra, l'adattatore PAN Bluetooth, il modulo mini-PCI WLAN e l'alloggiamento vuoto per la scheda WWAN opzionale.[tit:Il comparto grafico]Particolare attenzione è stata posta nella scelta dei componenti che realizzano la sottosezione grafica. In particolare Studio XPS 16 è dotato di acceleratore grafico AMD ATI Mobility Radeon HD 3670, una GPU di fascia media, ideale per accelerare flussi video (MPEG2/4, DivX, WMV9, VC-1 e H.264/AVC)  e migliorare la qualità delle immagini, grazie al decoder UVD e al sistema AVIVO HD. Il processo costruttivo a 55 nm (circa 378 milioni di transistor) e l'utilizzo del sistema di Power Management PowerPlay 7.0 consentono di ottimizzare le risorse e aumentare l'autonomia del portatile. La GPU dispone di 120 Stream processor unificati, compatibili con DirectX10.1, mentre l'interfacciamento coi 512 MByte di memoria avviene tramite bus a 128 bit.

dell-studio-xps-16-1.jpg

Per gestire al meglio l'output video di questa GPU si è scelto di affiancare un pannello LCD con retroilluminazione a LED, particolare che consente di ridurre i consumi rispetto alle tradizionali soluzioni CCFL e di restituire colori e gradazioni continue e di buona qualità. La risoluzione Full HD di 1.920x1.080 pixel consente di lavorare agevolmente con qualsiasi tipo di programma, anche nel caso di software di fotoritocco. La visualizzazione di giochi e film avviene in modo fluido, garantendo un'esperienza coinvolgente e di buona qualità.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social