Asus P7P55D EVO

Pubblicato il: 26/10/2009
Autore: Redazione ChannelCity

Una motherboard dotata del più recente chipset Intel 82P55 a cui aggiunge un buon numero di controller integrati e il supporto per sottosistemi grafici SLI e CrossFireX, che consentono di realizzare potenti Pc da gioco e workstation grafiche per applicazioni professionali.

Asus P7P55D EVO è una scheda madre caratterizzata dal buon numero di controller integrati e dal supporto per sottosistemi grafici SLI e CrossFireX. La presenza del recente chipset Intel P55 consente di realizzare potenti postazioni da gioco e workstation grafiche per applicazioni professionali, affiancando memorie DDR3 e processori di ultima generazione su Socket LGA1156. Questo modello può infatti gestire CPU Intel Core i7 e Core i5 ed è in grado di supportare la tecnologia Turbo Boost per l’overclock dinamico dei core. Per quanto riguarda l’architettura delle memorie, i processori incorporano il controller per le RAM DDR3 e, anche per questo motivo, Intel è riuscita a realizzare un chip per motherboard in un’unica soluzione.

asus-p7p55d-evo-2.jpg

Non sono infatti presenti MCH e ICH separati ma esiste un unico PCH, ossia Platform Controller Hub, deputato al controllo delle periferiche e della CPU. Il chip di gestione è dunque posizionato nella metà inferiore della motherboard, dove solitamente è alloggiato il SouthBridge o ICH, e in questo caso è raffreddato da un originale radiatore colorato in alluminio. Le temperature d’esercizio sono infatti modeste e non è stato necessario adottare sistemi di raffreddamento di grandi dimensioni.

[tit:Specifiche]P7P55D EVO è realizzata in formato ATX e offre un buon numero di slot di espansione e controller integrati. Questo consente di integrarla in sistemi che dovranno svolgere un gran numero di mansioni e dove è richiesta un’elevata flessibilità d’impiego. La memoria installabile raggiunge i 16 Gbyte su quattro banchi da 4 Gbyte ciascuno. I moduli utilizzabili sono i recenti SDRAM DDR3, con frequenze standard di 1.066 e 1.333 MHz, ma utilizzando il sistema di overclock CPU/RAM Asus Precision Tweaker e TurboV EVO è possibile lavorare con moduli certificati, fino a 1.600 e 2.200 MHz.

         asus-p7p55d-evo-1.jpg

L’architettura delle CPU su Socket LGA1156 prevede l’utilizzo dei moduli in modalità Dual Channel, diversamente dai più veloci processore su LGA1366 che dispongono di un triplo canale di accesso alle memorie. I quattro slot per memorie sono caratterizzati da un sistema di clip che prevede da un lato il tradizionale fermo con gancio, mentre la parte verso gli slot PCI Express sfrutta un fermo statico che semplifica l’installazione/rimozione del modulo di RAM quando è presente una scheda video di grandi dimensioni.

[tit:Porte e slot]Per quanto riguarda le possibilità di espansione interne, la motherboard dispone di tre connettori PCI Express in formato x16. Utilizzandone uno solo è possibile sfruttare le 16 linee di segnale per schede grafiche di ultima generazione, mentre volendo realizzare sistemi SLI e CrossFireX, le linee a disposizione vengono suddivise su due bus, che diventano di tipo x8. Utilizzando schede video dual GPU, come Radeon HD 4870 X2 e GeForce GTX 295 è possibile costruire un sistema Quad-GPU ad alte performance. 

asus-p7p55d-evo-3.jpgNel dettaglio le sei porte Serial Ata, i connettori per le sei porte USB 2.0, oltre all'originale radiatore e ai pulsanti per accensione e reset, direttamente saldati onboard.
L’espandibilità è inoltre garantita da quattro porte Serial Ata, direttamente gestite dal chipset Intel e altre due disponibili tramite il controller JMicron JMB322 e che supporta il sistema EZ Backup per realizzare velocemente il backup di un disco un’unità secondaria. Tra le numerose interfacce, due PHY LAN Gbit, un output sonoro a otto canali con porte digitali e coassiali. Il pannello posteriore incorpora inoltre otto delle 14 porte USB disponibili, oltre alle tradizionali PS2 e al pulsante per un veloce reset del BIOS, particolarmente utile per gli overclocker più smaliziati.

[tit:Peculiarità]Asus P7P55D EVO si caratterizza per le numerose tecnologie proprietarie e per il design elettrico che ne garantisce stabilità e durata nel tempo. Questo modello adotta un sistema VRM ibrido a 12+2 fasi, dotato di componenti di alta qualità e del sistem T.Probe per la lettura dello stato di funzionamento e delle temperature per la gestione del sistema di raffreddamento attivo. Il sistema brevettato EPU comprende una soluzione mista hardware/software, per la gestione dei singoli comparti integrati e il miglioramento dell’efficienza. Il sistema consente di mantenere consumi ridotti ai bassi carichi e di ottimizzare la piattaforma in base alle performance richieste. Sul fronte del raffreddamento, questa motherboard offre un design delle piste appositamente studiato per smaltire facilmente il calore in eccesso (Stack Cool 3), oltre al sistema di gestione Fan Xpert3, che consente di personalizzare secondi diversi profili il regime di rotazione delle diverse ventole installate.

asus-p7p55d-evo-4.jpg
I radiatori per i regolatori di tensione sono di dimensioni contenute e hanno un design originale, allineato a quello della motherboard.
Tra le particolarità di Asus P7P55D EVO, il dispositivo “MemOK!”, si tratta di un pulsante saldato in prossimità degli slot delle memorie. Premendo questo tasto dopo aver installato le memorie, a PC acceso, il sistema incorporato si occupa di tarare i timing e le latenze del bus in modo automatico per garantire la massima compatibilità. Per i più smaliziati, Precision Tweaker garantisce possibilità di intervento per quanto riguarda clock della memoria, della CPU e del bus, oltre ai voltaggi di ogni singolo comparto. TurboV EVO offre ai meno esperti lo strumento per l’overclock semplice e stabile, riducendo al minimo i rischi di danneggiamento dell’hardware.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social