Sapphire Radeon HD 5850, prezzo interessante e supporto DirectX 11 e Windows 7

Pubblicato il: 19/11/2009
Autore: Redazione ChannelCity

La nuova nata di casa Sapphire sfrutta l'acceleratore HD 5850, solo leggermente sottodimensionato rispetto al potente HD5870. Le ottime capacità di elaborazione e il prezzo abbordabile ne fanno un prodotto completo e particolarmente appetibile per i gamer esigenti.

La nuova Sapphire Radeon HD 5850 rappresenta la seconda scheda video più potente offerta dal produttore tra i prodotti mono-GPU basati sull'architettura HD 5000. La struttura di elaborazione di questa GPU è quella Terascale 2, in grado di duplicare le performance rispetto alla precedente generazione. Diversamente dal modello HD 5870, destinato alla fascia alta e ai gamer che desiderano il meglio, questo modello si caratterizza per un prezzo sensibilmente più basso e per specifiche tecniche leggermente inferiori. La famiglia HD 5800 è realizzata con un processo costruttivo a 40 nm, per un totale di 2,15 miliardi di transistor impiegati per la realizzazione dei circuiti interni alla GPU. Il clock di funzionamento di questo processore grafico è di 725 MHz, 125 MHz in meno rispetto al modello al vertice HD 5870. L'architettura interna è stata rivista nell'ottica di un ridimensionamento delle performance, mirato a produrre un prodotto competitivo ma alla portata di molti gamer.
sapphire-radeon-hd-5850-1.jpgGli Stream Processor sono 1.440, contro i 1.600 del modello più potete e sono disponibili 72 unità per le texture. La memoria si interfaccia tramite un bus dedicato e lavora alla frequenza effettiva di 1 GHz. I moduli GDDR5, per un totale di 1 GByte dispongono tuttavia di un data rate di 4 GHz, particolare che fornisce ampi margini per l'elaborazione, anche a risoluzioni HD, con una banda passante massima di 128 GByte/s. Questa GPU offre il supporto per le DirectX 11 integrate direttamente nel sistema operativo Windows 7, oltre alla capacità di lavorare in ambiente OpenGL 3, OpenCL eDirectCompute, particolare che permetterà l'utilizzo delle GPU per operazioni di ogni tipo.

[tit:Peculiarità e dettagli]HD 5850 offre uscite video identiche al modello più potente HD 5870, gli output video comprendono due DVI, un HDMI e un Display Port. In questo modo risulta molto facile il collegamento di dispositivi di vario genere, dai più obsoleti monitor VGA, ai recenti pannelli digitali piatti, tramite DVI e DP. La nuova generazione di GPU ATI è in grado di supportare un desktop particolarmente ampio, grazie alla funzione multimonitor EyeFinity. Quest tecnologia consente di gestire simultaneamente fino a tre monitor, con una risoluzione totale di 7.680x1.600 pixel. Sul fronte della riproduzione dei contenuti video è disponibile il decoder UVD, in grado di accelerare la decodifica degli stream video MPEG2, VC-1 e H.264, tipici degli algoritmi adottati nei titoli DVD e Blu-ray di ultima generazione. Sfruttando l'uscita digitale HDMI 1.3a è inoltre possibile beneficiare del flusso audio HD Dolby TrueHD e DTS-HD Master Audio.  Nel complesso la scheda offre ottime funzionalità, sia sul fronte della riproduzione multimediale, sia per quanto riguarda le prestazioni di gioco con i titoli più recenti.
sapphire-radeon-hd-5850-2.jpg
Il layout della board è in linea con il reference AMD ATI, in generale il PCB risulta sensibilmente più corto rispetto alla capostipite HD 5870. La scheda misura infatti 240 mm circa, contro i 280 mm del modello al top di gamma, questo particolare consente di inserirla più facilmente anche nei case minitower con meno spazio. Il sistema di raffreddamento è identico alle soluzioni HD 5870 e HD 5770, eccezion fatta per le dimensioni. La scheda propone consumi di circa 151 W in fase di pieno utilizzo e una richiesta energetica di 27 W in idle, grazie agli appositi sistemi attivi di risparmio energetico ATI PowerPlay. Se a riposo i consumi paragonati a HD 5870 sono pienamente congruenti, quando la GPU è sotto stress è in grado di assicurare minori richieste energetiche, con un abbassamento della soglia di 37 W, rispetto ai 188 W del modello più potente. In generale comunque i consumi risultano elevati in rapporto al consumo totale di una postazione da gioco e anche le temperature rilevate non sono da sottovalutare. Durante il rendering intensivo e prolungato, abbiamo rilevato infatti temperature di poco inferiori ai 70°C, sarà perciò necessario installare questa scheda in cabinet ben ventilati e muniti di ventole capaci di assicurare il continuo ricambio d'aria ai componenti interni.

[tit:ATI Overdrive ]HD 5850 offre un discreto margine per applicare l'overclock permesso direttamente dai driver Catalyst 9.11 che abbiamo adottato per le prove. Abilitando il pannello Overdrive, si accede alla regolazione manuale delle frequenze di lavoro della memoria e della GPU, oltre alla possibilità di selezionare manualmente il regime di rotazione della ventola. Non si tratta certo di un tool di overclock estremo, ma permette agli utenti, esperti e non, di applicare un discreto incremento di frequenza e di beneficiare di maggiore velocità nel calcolo di test e giochi 3D.

sapphire-radeon-hd-5850-5.jpg
Abbiamo scelto di impostare i valori di clock al massimo consentito, portando la GPU a 775 MHz, contro i 725 MHz di default e incrementando la frequenza della RAM da 1.000 MHz a 1.125 MHz. Si trattata di un overclock del 7% per il processore e di circa il 12% per le memorie. Questo incremento ha permesso di guadagnare diversi punti nei test, avvicinando ulteriormente gli score della 5850 a quelli della HD 5870, anche se naturalmente non ci aspettavamo alcun vantaggio macroscopico. In generale, impostando in questo modo la scheda, il gap con il modello al top di gamma si riduce e scende di 4 punti percentuali lavorando a 1.920x1.080 pixel con filtraggi abilitati, nei test 3DMark06. Ancora più evidenti i progressi accumulati nel test Far Cry 2 alla medesima risoluzione, ma utilizzando AA 8x. In queste condizioni lo scarto accumulato si riduce, dal 37% al 29%.
In definitiva, HD 5850 offre margine per gli overclocker e, nonostante l'aumento di frequenze imposto, si è dimostrata stabile anche se un po' rumorosa. Nella prossima pagina seguono le analisi tra questo modello e la HD 5870, naturalmente con le frequenze operative standard per entrambi i sample.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social