Asus Rampage III Extreme

Pubblicato il: 01/09/2010
Autore: Daniele Preda

Un potente motherboard al top di gamma dell'offerta Asus per piattaforma Intel e processori Socket LGA1366. Si tratta di un prodotto per gli utenti più esigenti e i gamer più accaniti con performance e specifiche al top. Compreso il prezzo.

Rampage III Extreme è una motherboard che non ha nulla da invidiare rispetto alla concorrenza. Si tratta probabilmente della scheda madre più potente e completa prodotta da Asus. È un prodotto di fascia alta, come si deduce dal prezzo e dalla numerose tecnologie introdotte. Non solo, questo modello è rifinito in ogni suo aspetto e include buona parte delle tecnologie introdotte dal produttore nel corso degli ultimi mesi.
asus-rampage-iii-extreme-6.jpgPer quanto riguarda il chipset di gestione non ci sono grosse novità, si tratta del top di gamma Intel per il controllo di processore Core i7 su Socket LGA1366. Intel X58, con ICH10R, permette di installare potenti CPU a 4 e 6 core con tecnologia Turbo Boost e bus QPI fino a 6,4 GT/s.
Il controller per le memorie, che risiede nel processore, consente di installare sino a 24 GByte di RAM con accesso a triplo canale. Le memorie installabili sono di tipo SDRAM DDR3 a 1.066, 1.333 e 1.600 MHz. Asus innalza le specifiche dei moduli compatibili e certificati, spingendo il clock di lavoro delle RAM fino a 2.200 MHz in modalità di overclock.

[tit:Uno sguardo al layout]Già a un primo sguardo, Rampage III Extreme mostra chiaramente le proprie intenzioni, con un PCB colorato e accessori ben rifiniti.
Tutti dettagli sono di colore nero o rosso acceso e nella parte centrale troneggia un grosso dissipatore in alluminio bicolore con il logo Republic Of Gamers (Asus ROG) inserito sopra il sensore termico, capace di rilevare la temperatura dell'intero radiatore.
asus-rampage-iii-extreme-2.jpg
Il primo accessorio fornito a corredo è un secondo elemento radiante attivo, cioè munito di ventola tachimetrica. A discrezione dell'utente, è possibile svitare la parte centrale del dissipatore e agganciare questo elemento, per assicurare un raffreddamento ottimale anche in condizioni critiche.
L'intero blocco si occupa di controllare e abbassare la temperatura dell'MCH, dell'ICH e dei gruppo relativo ai regolatori di tensione (VRM). Nonostante le dimensioni importanti, i dissipatori sono stati sagomati per non creare problemi nell'installazione di eventuali schede aggiuntive, come le ingombranti schede video di fascia alta.
asus-rampage-iii-extreme-1.jpgNel dettaglio il piccolo blocco radiante che è possibile installare in corrispondenza dell'MCH X58. Per fare questo è sufficiente svitare parte del dissipatore principale e riavvitare l'elemento addizionale.Sì, perché Rampage III Extreme si esprime al meglio lavorando in abbinamento a sottosistemi grafici molto complessi.
Grazie alla disponibilità di quattro slot formato PCI Express x16 è possibile installare array grafici nVidia SLI e 3-Way SLI, oppure AMD ATI CrossFireX e Quad-CrossFireX.
I canali lavorano in modalità x16/x16 se usati in coppia, oppure x16/x8/x8 se attivati con tre schede video, o ancora x8/ x8/ x8/ x8 se sono presenti quattro schede grafiche. Questa motherboard Asus è dunque la base ideale per chi vuole costruire una macchina da gioco che non teme confronti.
Per assicurare grande stabilità anche nel caso di un elevato assorbimento, questa motherboard può essere alimentata tramite due connettori dedicati a 8 pin e 12 V, oltre che attraverso due punti addizionali molex integrati e metà della motherboard e lungo il profilo inferiore.

[tit:Controller e accessori]Come è lecito aspettarsi da un prodotto al vertice della propria categoria, Rampage III Extreme offre tutto ciò che si potrebbe richiedere a una motherboard, o quasi.
Oltre al supporto per schede video e array grafici evoluti, questo modello dispone di infatti di un ulteriore canale PCI Express x4 e uno PCI 32 bit, nel caso sia necessario collegare controller o schede addizionali.
Sul fronte relativo alla connettività interna, sono presenti 6 porte Serial Ata 2 direttamente gestite tramite ICH10R, con possibilità di creazione Raid 0, 1, 5 e 10. Il controller JMicron 363 mette a disposizione un'ulteriore porta seriale e una eSATA, per dischi esterni ad alte prestazioni.
asus-rampage-iii-extreme-3.jpgIn evidenza le sei porte Serial Ata 2 e le due Serial Ata 3Non poteva mancare la connettività Serial Ata 3 a 6 GBps, gestita direttamente da un secondo controller addizionale Marvell PCI Express, che si occupa di gestire le due porte contraddistinte dal colore rosso.
Per il collegamento con periferiche esterne, sono disponibili 9 porte USB 2.0 e due di tipo USB 3.0 controllate del chip NEC D720200F1. Una delle porte serve inoltre per il collegamento ROG Connect, che consente la modifica dinamica dei parametri di funzionamento principali tramite un personal computer esterno. Collegandosi in USB alla motherboard, utilizzando per esempio un notebook e il cavetto in dotazione, è possibile tarare il proprio PC tramite una comoda interfaccia.
Sono inoltre disponibili due porte Firewire, una LAN Gbit e l'audio multicanale con Codec Realtek.
asus-rampage-iii-extreme-5.jpgIl piccolo modulo in primo piano deve essere agganciato alla motherboard, a fianco del connettore di rete RJ-45.Una felice sorpresa è stato trovare un modulo addizionale Bluetooth, da agganciare in corrispondenza delle porte posteriori della motherboard. Tale scheda offre connettività Bluetooth V2.0/V2.1 con EDR, utile per collegare apparecchi portatili, come telefoni cellulari, SmartPhone, PDA o stampanti, per esempio.
Ma non è tutto, premendo il pulsante presente sul modulo BT è possibile avviare la modalità di controllo e overclock remoto della workstation, utilizzando SmartPhone con sistemi operativi Windows Mobile (6.5, 6.1 e 6.0), Symbian S60 e Google Android. Questa caratteristica entusiasmerà certamente quella categoria di gamers e overclockers particolarmente avvezzi alla pratica dell'overclock estremo.

[tit:Overclock e sistemi dedicati]Oltre al già citato sistema di overclock tramite PC esterno (ROG Connect), questa motherboard offre molte tecnologie pensate per incrementare le performance e la stabilità al tempo stesso.Tra questi Extreme Engine Digi+, un sistema dedicato alla gestione delle tensioni di lavoro della piattaforma, che fa uso di una parte di componentistica analogia e una parte digitale. Sono stati adottati moduli VRM (Voltage Regulator Module) di tipo digitale in grado di sopportare al meglio gli incrementi di tensione e frequenza, per una maggiore stabilità in condizioni di overvolt e overclock. Il sistema è in grado di bilanciare automaticamente la fornitura di tensione, per assicurare solidità anche sotto stress.
Oltre alle funzioni per incrementare clock di funzionamento e tensioni operative, Asus ha pensato a una serie di tecnologie volte alla verifica e alla ricerca della stabilità operativa.
Nel dettaglio, MemOK! Si occupa di controllare il corretto funzionamento delle RAM e di impostare i timing operativi per garantire stabilità e compatibilità tra i differenti moduli presenti.
COP EX è in grado di preservare la motherboard da possibili danneggiamenti in caso di overvolt esagerati, Voltiminder LED sfrutta una serie di diodi luminosi per segnalare le impostazioni di tensione per i diversi comparti della motherboard.
asus-rampage-iii-extreme-4.jpgTra i pregi di questo modello c'è il sistema ProbeIt. Si tratta di una zona specifica della motherboard, sul PCB sono stati evidenziati particolari piazzole elettriche che consentono la lettura delle tensioni operative tramite l'impiego di un apparecchio esterno, come un tester o un multimetro. La sezione Go Button evidenzia le attuali impostazioni di clock e tensioni per tutti i componenti integrati e consente di modificarli in modo indipendente. Verranno applicati quando viene premuto il tasto saldato sulla motherboard, per usufruire di un overclock "istantaneo".

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social