Cura ricostiutente per l’appliance web WS1000 di Sophos

Pubblicato il: 12/09/2008
Massimo Negrisoli

L’ innovativa tecnologia integrata nel dispositivo impedisce agli utenti di eludere i filtri web, garantendo l’applicazione dei criteri di sicurezza aziendale e il rispetto della conformità

La società specializzata in soluzioni per la sicurezza informatica Sophos, ha presentato l'ultima generazione di appliance per la sicurezza della navigazione web. La versione aggiornata della WS1000 è dotata di nuove e interessanti funzionalità disponibili come upgrade automatico gratuito per i clienti Sophos che comprendono la protezione a tutti i livelli contro i proxy anonimi, la scansione del traffico HTTPS e una serie di miglioramenti nella reportistica e nell'applicazione di criteri specifici dell'utente.Le indagini svolte di recente da Sophos rivelano infatti un peggioramento delle condizioni di sicurezza relative al web. Attualmente gli esperti di SophosLabs individuano in media una nuova pagina web infetta ogni cinque secondi, una cifra tre volte superiore a quella registrata nel 2007. Di queste pagine, il 90% appartiene a siti leciti. A rendere più arduo il compito dei responsabili IT concorrono alcuni strumenti come i proxy anonimi. Partendo dal feedback dei propri clienti, Sophos è giunta alla conclusione che si tratta di un problema che affligge in massima parte il settore scolastico e universitario. Gli studenti possiedono conoscenze avanzate delle tecnologie web, quindi sono in grado di aggirare i controlli. In questo ambiente, i reparti IT sono tenuti a stabilire norme severe volte a proteggere gli studenti da contenuti inappropriati o pericolosi. Ecco in sintesi le nuove funzionalità dell'appliance

-         Proxy Reputation Service: consiste nell'individuare blog, forum e mailing list sul web che condividono siti e servizi proxy anonimi non appena diventano disponibili. Nel momento in cui viene pubblicato un nuovo sito, Sophos aggiorna immediatamente la propria blacklist dei proxy. Grazie al Proxy Scanner, un motore di rilevamento sviluppato da Sophos, viene decodificata ogni richiesta web e verificato se il traffico dati viene instradato di proposito attraverso un proxy anonimo. 

-         Scansione del traffico HTTPS: consente il controllo e il filtraggio del traffico criptato SSL, una funzionalità finora trascurata in molte soluzioni di sicurezza. Con l'integrazione della scansione HTTPS, Sophos aiuta le aziende a garantire che durante la comunicazione tramite HTTPS nelle applicazioni, come la posta elettronica basata sul web, non vengano distribuiti malware o violati criteri di sicurezza. 

-         SafeSearch Enforcement: assicura che nei motori di ricerca più utilizzati come Google, Yahoo! e MSN venga attivata la modalità di ricerca sicura, proteggendo ulteriormente le reti da eventuali infezioni e gli utenti da siti inappropriati. 

-         Migliori funzionalità di reportistica, infine, consentono di creare report sulla navigazione web di ogni singolo utente, fornendo informazioni sulla tipologia dei siti, sui portali visitati e sulla durata della navigazione. In questo modo, è possibile effettuare analisi approfondite del comportamento online degli utenti facendo riferimento a criteri d'uso accettabile.

Categorie: Notizie

Tag:

Area Social