La WebTv cresce ma ancora non desta molto interesse la IPTV

Pubblicato il: 26/04/2009
Redazione ChannelCity

Una ricerca di Ernst & Young rivela che in Italia si moltiplicano le Web Tv, mentre la penetrazione della IPTV rimane inferiore alle attese.

L'evoluzione dei mezzi di comunicazione e l'introduzione di tecnologie innovative e avanzate offrono opportunità di sviluppo per tutti gli operatori in grado di soddisfare la crescente domanda di nuove modalità per la fruizione di contenuti video. A tale proposito, Ernst & Young ha realizzato un'indagine, intitolata "New Media: sfide e opportunità di sviluppo per il mercato italiano", che prende in esame le tendenze in atto nel settore media confrontando lo scenario italiano con quello europeo e delineando le possibili strategie che le aziende possono attuare per valorizzare le forme emergenti di distribuzione dei contenuti, quali Web TV,  IPTV e Mobile Tv
Dallo studio Ernst & Young emerge come negli ultimi anni la Web TV si sia affermata quale piattaforma alternativa per veicolare contenuti video. In particolare, nel 2008 si è assistito ad una vera e propria esplosione della trasmissione di contenuti video sul web: in Italia il numero delle Web TV è aumentato del 33% rispetto al 2007, con 364 operatori che gestiscono 633 canali Web. Nei prossimi anni si prevede uno sviluppo continuo di questo canale e della qualità dei contenuti forniti, favorito dall'aumento del tempo medio passato davanti al computer e dall'ampiezza del target potenziale, rispetto ad esempio alla IPTV.
Rispetto alla Web TV, rimane basso invece il livello di penetrazione della IPTV: in Italia gli utenti ammontano a circa 600.000, contro i circa 5 milioni di Sky e Mediaset Premium.
La crescita del Mobile Internet, che in Europa ha una penetrazione media del 12%, con una punta del 15% registrata nel Regno Unito, seguita dal 14% dell'Italia, impatta invece in modo del tutto marginale la fruizione in mobilità di contenuti video.

Categorie: Notizie

Tag:

Area Social