Cresce l'utile e cala il fatturato di Ibm che però è ottimista per il quarto trimestre 2009

Pubblicato il: 16/10/2009
Redazione ChannelCity

Ibm ha presentando i propri dati finanziari relativi al terzo trimestre 2009. L’azienda ha superato di poco le previsioni degli analisti riguardo all'utile netto cresciuto del 14% mentre il giro d'affari è però calato del 6,9% anche se Big Blue si mostra positiva per il prossimo trimestre.


Ibm è un’azienda che, nonostante la crisi, ha saputo reinventarsi per far fronte alle difficoltà economiche. Dai problemi degli Anni '90, Ibm si è risollevata e sta superando anche il recente periodo di depressione: la strategia è stata quella di offrire molteplici servizi tecnologici e ora i rivali di Ibm stanno cercando di fare lo stesso e i risultati della trimestrale dimostrano come il nuovo modello di business sia effettivamente funzionante.
Il fatturato è calato del 6,9% ma l'utile netto è cresciuto del 14% e Ibm ha, per la seconda volta quest’anno, aumentato le stime per la chiusura dell'ultimo trimestre dell'anno.
La crescita dell'utile netto totale è stata di 3,21 miliardi di dollari, o 2,40 dollari per azione, mentre nello stesso trimestre 2008 era di 2,82 miliardi e 2,04 dollari.
Mark Loughridge, senior vice president e CFO di Ibm, ha dichiarato che: “L’hanno scorso stavamo parlando di credito. Ora siamo usciti da quei problemi. Con il miglioramento in quell’ambito, la situazione si è stabilizzata”.
Il fatturato è calato a 23,57 miliardi di dollari, dai 25,30 miliardi nello stesso periodo dell’anno precedente, tuttavia si registra una crescita dell’1% rispetto al secondo trimestre 2009.
A dimostrazione della bontà del modello di business raffrontato alla situazione economica, gli andamenti della società hanno superato le previsioni degli analisti: era stato stimato che Ibm avrebbe guadagnato 2,38 dollari ad azione a fronte di 23,40 miliardi di fatturato totale.

[tit:Saldo negativo in tutti i mercati ma meglio in Usa che in Europa]

Nel solo continente americano Ibm ha fatto registrare vendite per 9,9 miliardi di dollari con un saldo negativo di -5% rispetto all’anno prima. In Europa, Medioriente e Africa, gli incassi si sono assestati a 7,8 miliardi per un –12%, mentre in Asia non c’e’ stata variazione significativa con i suoi 5,2 miliardi di fatturato.
Da lato software Ibm ha visto calare la domanda del 3% rispetto allo stesso periodo del 2008, per un totale di vendite pari a 5,1 miliardi. L’andamento è stato sostenuto però da una crescita del 2% dei prodotti middleware come WebSphere, sistemi di Information Management, Tivoli, Lotus.
Nel dettaglio WebSphere ha visto aumentare le proprie vendite del 14% ogni anno e Ibm ha guadagnato un 3% del mercato nel periodo in esame. Contemporaneamente Tivoli cresceva del 5%, Lotus calava del 9% e l’Information Management rimaneva in pari.I servizi globali hanno diminuito gli incassi del 4% a 9,4 miliardi di dollari del trimestre di riferimento. I servizi globali per il business sono scesi del 11% a 4,3 miliardi mentre quelli finanziari sono calati del 15% a 536 milioni di dollari.
Infine, Ib, prevede un ritorno alla crescita dei ricavi nel quarto trimestre del 2009 e fa capire di essere a buon punto per raggiungere l'obiettivo di guadagno di 10-11 dollari ad azione nel 2010.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social