Il Web vince e Facebook e YouTube sono i siti più visitati

Pubblicato il: 05/12/2009
Andrea Sala

Il Rapporto 2009 del Censis Ucsi sulla comunicazione evidenzia una spiccata presenza in rete dei giovani italiani: Facebook e YouTube i siti più visitati.

L'ottavo Rapporto del Censis-Ucsi sulla comunicazione ha messo nero su biano un'istantanea dell'Italia spaccata in due. Le nuove generazioni, infatti, denotano un profondo uso e sfruttamento della Rete che però non si verifica nella popolazione degli italiani con qualche anno in più. L'espressione "social network" è conosciuta da quasi venti milioni di persone. Tra gli altri spicca la presenza su Facebook: circa il 22,9% degli italiani è iscritto al sito. Le "reti sociali" sono in maggioranza territorio dei più giovani, che sono anche i maggiori utenti di YouTube, il secondo sito più diffuso, secondo la ricerca-
Nel dettaglio il 90% dei giovani conosce i due siti in questione, mentre la percentuale scende al 64% per gli adulti. Per quanto riguarda gli anziani solo il 23% circa conosce Facebook e YouTube e praticamente nessuno è utente delle reti sociali, solo l'1,5% della categoria.
Passando all'utilizzo attivo il 56,8% dei giovani è utente Facebook e il 67,8% naviga su YouTube. Il repository di video online è anche il preferito dal 23,5% degli adulti, mentre solo il 18,3% ha un profilo Facebook. Twitter all'epoca della rilevazione, tra aprile e maggio, era noto solo al 4,3% degli intervistati. Vista la recente diffusione del sito di microblogging, tale percentuale probabilmente oggi sarebbe più alta.
I social network spopolano quindi tra i giovani fra i 14 e i 29 anni di età, per una semplice ragione: mantenere i contatti con amici (scopo del 70% degli intervistati) o vecchi compagni di scuola (scopo del 57,8% degli utenti giovani). Il 34,8% usa tali siti per svago, il 19,4% per socializzare e solo l'1,8% è in cerca di relazione amorose.
Per quanto riguarda l'informazione, la Televisione continua a fare la parte del leone: il 59,1% degli italiani la preferisce, percentuale che è ancora più alta tra i soggetti meno istruiti – 63,1% – e gli anziani – 67,7%. Il gap con gli altri media è netto, ad esempio i giornali cartacei sono preferiti da appena 30,5% degli italiani. Le Tv di sole news conquistano il 10,5% della popolazione, la radio il 9,3% e i portali Internet il 7%, percentuale, quest'ultima, che cresce fino al 16,5% per i più giovani.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social